Dipendente del cimitero accusato di assenteismo: succede a San Vito Chietino

L'uomo è stato sospeso dalle sue funzioni in quanto 'presuntivamente' accusato di assenteismo - secondo la Procura - per le costanti presenze al bar, anche per ore, invece che svolgere le sue mansioni

Provvedimento cautelare di sospensione dall'esercizio delle sue funzioni, da parte del Gip di Lanciano Massimo Canosa, nei confronti di un dipendente del Comune di San Vito Chietino 'presuntivamente' accusato di assenteismo - secondo la Procura - per le costanti presenze al bar, anche per ore, invece che svolgere le sue mansioni nel cimitero.

Nel provvedimento cautelare, il Giudice per le indagini preliminari scrive di rischio di reiterazione di reato con danni nei confronti del Comune e del disservizio arrecato all'utenza. L'indagine della Procura di Lanciano riguarda un addetto ai servizi cimiteriali, seguito e controllato dai Carabinieri dal 15 ottobre al 15 novembre scorsi.

Per le presunte accuse di truffa e falso continuato, il procuratore Mirvana Di Serio aveva invece chiesto gli arresti domiciliari. Lo stesso Gip avrebbe convocato giorni fa l'indagato, ma il dipendente si sarebbe avvalso della facolta' di non rispondere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento