Cronaca

Diminuisce il numero delle persone morte in mare, massima allerta per la settimana più viva dell'estate

Secondo i dati della della Direzione Marittima d'Abruzzo, Molise e Isole Tremiti, dal 1° giugno 2017 le persone decedute sono state 7 contro le 34 dello scorso anno (16 per annegamento e 18 per altre cause)

Meno morti per annegamenti o malori in mare e in spiaggia, rispetto all'estate dello scorso anno: lo evidenziano i dati della Direzione Marittima d'Abruzzo, Molise e Isole Tremiti almeno per quanto riguarda il tratto di competenza che va da Martinsicuro (Teramo) a Termoli (Campobasso) e Isole Tremiti (Foggia).

Dal 1° giugno 2017 al 7 agosto le persone decedute sono state 7 contro le 34 dello scorso anno (16 per annegamento e 18 per altre cause). Tuttavia, il dato è parziale, considerato che mancano pochi giorni a Ferragosto e si sta entrando nel periodo di maggior affollamento delle spiagge. Il periodo estivo, inoltre, si concluderà a metà settembre. 

In provincia di Chieti due casi hanno colpito particolarmente l'opinione pubblica. L'8 giugno, a inizio stagione, ha perso la vita Giuseppe Fusco, 33 anni, di Benevento, mentre nuotava a San Salvo. Solo pochi giorni fa, a Torino di Sangro, l'ennesima tragedia del mare, in cui ha perso la vita un uomo di 51 anni.

Molti sono stati anche i salvataggi, grazie alla professionalità dei bagnini che sorvegliano la costa. Il caso più eclatante, premiato anche con un encomio pubblico, a metà luglio, a Francavilla al Mare, dove un bagnante è stato salvato grazie anche all'ausilio di due cani bagnino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diminuisce il numero delle persone morte in mare, massima allerta per la settimana più viva dell'estate

ChietiToday è in caricamento