menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istituti Riuniti, diffida al commissario straordinario: "No all'esternalizzazione dei servizi"

Il documento è stato inviato dal consigliere Costa, che siede nell'assemblea dei portatori di interesse Asp1, anche alla procura. Sottolinea che il commissario dovrebbe limitarsi alla gestione ordinaria

Gli istituti riuniti San Giovanni Battista esternalizzano alcuni servizi, attualmente di competenza del personale interno. Ma il commissario straordinario, riconfermato a marzo scorso, proprio in virtù del suo compito, dovrebbe limitarsi alla gestione ordinaria dell’ente. E per questo scatta la diffida. 

L’ha firmata il consigliere comunale teatino Maurizio Costa, che siede nell’assemblea dei portatori di interesse dell’Asp 1, di cui fanno parte anche gli Istituti Riuniti. La diffida è stata inviata, oltre che al commissario Sandra De Thomasis, anche al presidente dell’assemblea dei portatori di interesse Asp 1, alla Regione Abruzzo e alla procura. 

La diffida parte dall’assunto che il commissario non può vendere beni di proprietà dell’ente, o appaltare servizi, né intraprendere iniziative che mettano a repentaglio l’armonia gestionale. Il suo compito è quello di traghettare l’istituto nella costituenda Asp 1 Chieti, per la quale peraltro si aspetta da lungo tempo. 

Nella diffida, Costa mette in luce anche la 

palese ed evidente illegittimità e/o invalidità e/o inappropriatezza dell’organo di revisione, il quale non risulta rappresentativo della minoranza assembleare e presenta profili di illegittimità essendo stato nominato per la costituenda Asp, ad oggi giuridicamente inesistente, con conseguente nullità degli atti posti in essere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento