menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
il manifesto

il manifesto

Di Marco ucciso con una bottiglia, i funerali mercoledì in cattedrale

I risultati dell'autopsia. In giornata si decide sulla convalida del fermo di Cipressi, in carcere a Madonna del Freddo

Fausto Di Marco è stato ucciso da un colpo mortale alla gola con una bottiglia rotta che gli ha tagliato la giugulare. E’ quanto confermato dall’autopsia effettuata oggi al policlinico di Chieti dal medico legale Pietro Falco. L’esame ha chiarito le cause della morte, ma non quello che è successo veramente nella notte tra sabato e domenica in via Pescara, quando il 39enne è morto dissanguato.

Ieri sono emersi nuovi particolari su quella tragica notte. A fornirli una trentunenne, amica di Emanuele Cipressi, ritenuto responsabile della morte di Di Marco. La donna ha raccontato di aver respinto un approccio di Di Marco e di aver assistito a una colluttazione a terra fra Cipressi e Di Marco, con il primo che aveva in mano una bottiglia di birra. L'ipotesi più plausibile è che la vittima sia stata colpita da un collo di bottiglia che gli avrebbe reciso la carotide.

Adesso il magistrato deciderà sulla convalida del fermo di Cipressi, attualmente in stato di fermo nel carcere di Madonna del Freddo. Quest'ultimo è difeso dall'avvocato Roberto Di Loreto.

Intanto i funerali di Fausto Di Marco sono stati fissati per mercoledì 12 ottobre, alle 15,30 nella cripta della cattedrale di San Gustino, muovendosi anticipatamente dall'obitorio dell'ospedale di Chieti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: oggi 196 nuovi positivi e 441 guariti in Abruzzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento