Cronaca

Di Iorio (Pd): Imu e acqua: una stangata senza precedenti

"Nonostante l’altissima pressione fiscale – sottolinea il capogruppo del Pd – il Comune ad oggi non ha installato neppure una luminaria, né ha previsto un cartellone di eventi per le festività"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

"Con l’Imu e le bollette dell’acqua il Pdl sta preparando una stangata senza precedenti sulle teste dei cittadini di Chieti, senza alcun ritegno per la situazione economica gravissima che stanno vivendo le famiglie. Essere sindaco significa capire le esigenze dei cittadini ma questo pare venga ignorato da Di Primio e dalla sua giunta". Lo afferma Alessio Di Iorio, capogruppo del Pd al Comune di Chieti.

"Dopo la batosta dell'IMU in questo giorni è arrivata anche quella delle bollette dell'acqua. Un massacro che ridurrà ancora il potere d’acquisto delle famiglie teatine con gravi ripercussioni sulle attività economiche già alle prese con la peggiore crisi dei consumi dal Dopoguerra ad oggi. Questa maxi stangata è l’unico segno riconoscibile della giunta Di Primio, che in oltre 33 mesi di governo non ha creato nulla per questa città e messo le mani delle tasche dei cittadini come nessuno aveva fatto prima. Far pagare in una unica soluzione l'acconto dell'80% del 2012 in unica soluzione, dopo aver pagato il saldo 2011, vuol dire non avere idea di cosa accada in città ed essersi già dimenticati di aver imposto le aliquote IMU fra le più alte d’Abruzzo (10,6  per mille sulla seconda casa, 4 per mille sulla prima casa). E nonostante l’altissima pressione fiscale – sottolinea Di Iorio – il Comune ad oggi non ha installato neppure una luminaria, né ha previsto un cartellone di eventi per le festività. Prima si concluderà il mandato di questa giunta, prima Chieti potrà cominciare a ripensare al proprio futuro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Iorio (Pd): Imu e acqua: una stangata senza precedenti

ChietiToday è in caricamento