Di Giuseppantonio: "Prorogare la stagione balneare a ottobre"

Il presidente della Provincia e sindaco di Fossacesia chiede di consentire agli stabilimenti di lavorare fino a metà ottobre per fronteggiare la crisi e recuperare i giorni di ferie. Nel 2014 le presenze si sono quasi dimezzati, con una perdita di 400 posti di lavoro

La stagione balneare va allungata per far fronte alla crisi. È l’appello lanciato dal presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio, sulla scia di molti colleghi amministratori di tutta Italia, a partire dal sindaco di Forte dei Marmi, per accogliere le richieste dei balneatori, vessati da un’estate che, dal punto di vista climatico, è parsa più una primavera impazzita.

Il presidente, che è anche sindaco di Fossacesia, chiede un’ordinanza dei 19 sindaci delle località costiere e della Regione per fornire un impulso, seppure di fine estate, al turismo della costa chietina e dell’intero Abruzzo.

I dati diffusi dalle associazioni di categoria, infatti, sono allarmanti. Nel 2014 si sono registrate il 45% in meno delle presenze sulle spiagge abruzzesi, che si traducono in 7 milioni in meno d’incasso, con 1 milione sottratto agli investimenti e 400 posti di lavoro in meno rispetto al 2013.

La stagione balneare abruzzese, fissata con ordinanza regionale n 12/9 del 12 febbraio 2014 dall’ 8 marzo al 26 ottobre, consente ai titolari degli stabilimenti di svolgere fino al 7 settembre le attività di balneazione con relativi servizi. Ma per Di Giuseppantonio un allungamento fino a metà ottobre permetterebbe agli operatori di recuperare i giorni persi per il maltempo.

 “Il mio appello ai sindaci delle città costiere e al presidente della Regione - spiega – è di giocare la carta della proroga di tutte le attività e i servizi ammessi nella stagione balneare seppur non risolutiva per gli addetti al settore ai quali si chiede un ulteriore sforzo, con l’auspicio che il sole ci assista tutti e ci regali settimane di buon tempo da trascorrere in spiaggia: ne trarranno beneficio non solo i titolari degli stabilimenti balneari della nostra costa, ma tutti gli operatori economici dell’indotto, tra cui ristoratori, albergatori, commercianti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’Abruzzo – prosegue - ha 19 città costiere, si presenta come una regione che punta al turismo e che ormai deve essere capace di destagionalizzare l’offerta turistica oltre le consuetudini, affiancando calendari di proposte spalmate fino alle porte dell’autunno. Alla Regione l’invito a sostenere ed organizzare eventi di tipo culturale, musicale, naturalistico ed ogni altra iniziativa capace di intrattenere fino al mese di ottobre vacanzieri e residenti d’intesa con i comuni della costa, con lo scopo di arricchire e diversificare le occasioni di svago del nostro territorio”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanciano in lutto per Mirella: domani l'ultimo saluto alla 41enne morta nell'incidente a Pescara

  • Incidente al Foro a Francavilla: tre vetture coinvolte, due feriti

  • Coronavirus: ci sono altri 39 positivi, la maggior parte sono migranti ospitati in Abruzzo

  • Applausi per Salvini, che scherza: "Ma qui si elegge il presidente della Repubblica?". Polemiche per gli assembramenti

  • Muore a 15 anni dopo lo schianto con lo scooter: terribile lutto a San Giovanni Teatino

  • Coronavirus: dopo i casi dei migranti di Gissi salgono a 19 i positivi in Abruzzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento