menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autostrade, appello di Di Giuseppantonio per migliorare la sicurezza dell'A14

L'ennesimo incidente sul tratto chietino, in gran parte in pessime condizioni e senza corsia di emergenza, spinge il sindaco di Fossacesia a rivolgersi nuovamente alla Regione e ai parlamentari, per far presente al Governo un disagio che penalizza l'economia dell'intero Abruzzo

L'incidente che ieri (lunedì 31 agosto) ha paralizzato il tratto chietino dell'autostrada A14 fino a tarda sera, rimette in primo piano il tema della sicurezza. E il sindaco di Fossacesia Enrico Di Giuseppantonio, già presidente della Provincia, torna a chiedere un intervento straordinario del Governo per la viabilità abruzzese, di cui condanna "l'inadeguatezza e la pericolosità, soprattutto nel tratto che attraversa la provincia di Chieti". 

"La rete viaria nella provincia di Chieti, che è in uno stato pietoso e medioevale, non è  più in grado di sopportare un volume di traffico così intenso. Ogni volta che succede un incidente sull'A14, dove in alcune parti manca addirittura la corsia di emergenza - spiega - va in tilt tutta la rete stradale adriatica (statale e provinciale)". 

E lancia nuovamente un appello alla Regione e ai parlamentari: "Devono farsi sentire a Roma perché questa situazione provoca danni non solo all'Abruzzo, ma all' economia dell' intero Paese. Ho chiesto al presidente della Regione Luciano D'Alfonso - conclude Enrico Di Giuseppantonio - di guidare una delegazione, composta da sindaci e parlamentari, per  rappresentare direttamente al Governo le condizioni intollerabili delle nostre strade soprattutto nel territorio della mia provincia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento