rotate-mobile
Cronaca

Detenuto evaso dal policlinico, il Siulp solidale con i colleghi aggrediti

Il sindacato di polizia si scaglia contro il blocco del turn over e la scarsità dei mezzi a disposizione del personale in servizio

Il Siulp (Sindacato italiano unitario lavoratori polizia) è solidale con i poliziotti aggrediti due giorni fa dal detenuto di origine albanese evaso dal policlinico Santissima Annunziata tuttora ricercato e si impegna a vigilare sugli sviluppi futuri della vicenda, affinché tutti si prendano le proprie responsabilità. 

“La misura è colma”, dice il segretario del Siulp Francesco Antonio Morganti. Secondo lui, quanto accaduto, dipenderebbe da quanto sta accadendo nella professione negli ultimi 10/15 anni. 

Morganti se la prende con “il blocco del turn over, che da 20 anni non permette un adeguato ricambio generazionale degli organici, maggiormente nelle piccole realtà come Chieti, dove si è giunti ad avere un’età media anagrafica di ben oltre 50 anni del personale operante”. Per lui, in ospedale, a presidio del detenuto, si sarebbero dovuti impiegare tre o quattro agenti, magari più giovani. 

Il Siulp lamenta anche la chiusura dei presidi di polizia della stradale di Vasto e Ortona e l’inefficienza e l’inadeguatezza della dotazione di mezzi e materiale operativo. In più, in tutta la provincia non c’è una cella di sicurezza e in questo modo il personale è costretto a trattenere le persone fermate o arrestate all’interno dei propri uffici. 

Infine, il Siulp si scaglia contro le autorità per “l’indifferenza e la sottovalutazione di tutti i problemi su esposti da parte delle autorità, che per prime dovrebbero adoperarsi per la loro risoluzione”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto evaso dal policlinico, il Siulp solidale con i colleghi aggrediti

ChietiToday è in caricamento