Cronaca

"Ho visto un orso!", ma era bufala: denunciato per procurato allarme

Lo scorso 28 marzo, un 54enne di Guilmi aveva allertato i carabinieri forestali, inviando anche una fotografia, risultata poi uno scatto trovato sul web

La falsa foto

Aveva contattato 112 e 1515, i numeri di emergenza dei carabinieri e dei vigili del fuoco, riferendo di aver avvistato un orso a Carpineto Sinello. Ma la telefonata è costata una denuncia dai carabinieri forestali di Gissi a un uomo di 54 anni di Guilmi, che dovrà rispondere di procurato allarme.

Lo scorso 28 marzo, l'uomo, intorno alle 16.30, aveva chiamato le forze dell'ordine riferendo di aver visto un grosso esemplare di orso nei pressi della frana in localita? Vaccareccia di Carpineto Sinello, lungo la strada che collega Guilmi a Roccaspinalveti e Liscia. Per rendere più credibile la sua testimonianza, aveva scattato anche una fotografia scattata con il telefonino mentre era all'interno della sua automobile. 

I carabinieri forestali di Gissi si sono insospettiti, perché quel territorio non è frequentato dal plantigrado, essendo lontano dall’area di presenza della specie. Così, hanno effettuato un controllo per approfondire la segnalazione che, almeno all'inizio, sembrava verosimile. 

Ci è voluto poco per capire che si trattava dello scherzo di un bontempone: giunta sul posto, la pattuglia ha riscontrato che c'erano inconfutabili incongruenze tra i luoghi segnalati dall'uomo con quelli osservabili dallo scatto fotografico.

Da successivi accertamenti, i militari hanno poi appurato che la fotografia era stata scattata nel 2013 lungo la Ss 17 in territorio di Pettorano sul Gizio (L'Aquila).

Perciò, l’uomo autore della segnalazione e? stato deferito alla procura della Repubblica di Vasto, ai sensi dell’articolo 658 del Codice Penale, per aver procurato un allarme presso le autorita? e ingiustificati timori e preoccupazioni per la popolazione locale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ho visto un orso!", ma era bufala: denunciato per procurato allarme

ChietiToday è in caricamento