menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si spostano nonostante il divieto, 5 denunce nel Chietino per la violazione del decreto sul Coronavirus

I militari dell'Arma della Compagnia provinciale hanno avviato dalla mezzanotte i controlli per l'osservanza di quanto previsto nel decreto fimato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

Sono in totale 5 le persone che sono state denunciate in provincia di Chieti per la violazione del decreto sul Coronavirus che vieta gli spostamenti dal proprio comune di residenza se non per comprovati motivi.
I militari dell'Arma della Compagnia provinciale hanno avviato dalla mezzanotte i controlli per l'osservanza di quanto previsto nel decreto fimato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

La maggior parte della popolazione, spinta da senso civico e timore, sta rispettando le regole, mentre ancora qualcuno si ostina a comportarsi come se nulla fosse.

Sono 5 questa sera, martedì 10 marzo, le denunce comminate dai carabinieri: 4 a Bucchianico e una a Guardiagrele, ai sensi dell’articolo 650 del codice penale. I destinatari sono stati controllati e trovati senza la prevista autocertificazione, ma soprattutto senza una valida e comprovata motivazione sanitaria, lavorativa o di necessità. Le 4 persone originarie di Bucchianico si trovavano senza motivo valido a Vacri. La persona fermata a Guardiagrele proveniva da Pescara, pronta per il trekking in alta quota.

Sono in corso tuttora capillari controlli in bar e ristoranti per il rispetto delle distanze di sicurezza e le previste chiusure dalle ore 18 alle ore 6. «Si auspica nel buon senso di tutti», fanno sapere dal Comando provinciale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento