Cronaca

Demolizione Palazzo Sirena a Francavilla, anche il regista Odorisio contrario

Luciano Odorisio si schiera accanto al Comitato Risorgi Sirena contro l'abbattimento del Palazzo simbolo della città

Anche il regista teatino Luciano Odorisio si schiera con il comitato Risorgi Sirena contro la demolizione di Palazzo Sirena a Francavilla. Lo ha fatto con una lettera struggente e severa.

“Il sindaco Antonio Luciani ha ripreso l’offensiva per la demolizione dello storico edificio, simbolo della città di Francavilla al Mare. Il comitato Risorgi Sirena, preoccupato ma non rassegnato, sta lavorando alacremente per evitare questa scellerata operazione” spiega il portavoce del comitato Pierfrancesco Fimiani annunciando imminenti iniziative.

LA LETTERA - Tra le persone che si sono unite per salvare la Sirena c’è appunto il noto regista e sceneggiatore Odorisio, che conosce bene la città e il valore storico e simbolico della Sirena. 

“Ho appreso con stupore, in questi giorni, del paventato progetto relativo all’abbattimento del Palazzo Sirena – scrive Odorisio - 
Nei numerosi anni in cui sono stato ospite della cittadina di Francavilla, Palazzo Sirena ha rappresentato per me, la mia famiglia, per i miei amici, e le numerose compagnie di attori che ho ospitato, il simbolo turistico di riferimento del centro città, presso il quale mi recavo con grande piacere. 

Fra gli artisti amo ricordare Michele Placido, Giuliana De Sio, Angela Molina, Adalberto Maria Merli, e un grande attore originario proprio di Francavilla, il conte Guido Celano, ben conosciuto, insieme alla sorella, maestra Celano. 
Le serate spettacolo e le manifestazioni culturali ed espositive che avevano luogo, erano per tutti occasione di ritrovo gioiosa. 
Ricordo anche di aver potuto vedere immagini storiche prestigiose del Palazzo, prima che venisse demolito durante l’ultimo periodo bellico, e ne rammento la figura simbolica per la città. 

Mi fa piacere che ne sia stato realizzato l’ampliamento in tempi relativamente recenti, richiamando altresì il glorioso periodo di cultura michettiana. 

L’intero edificio non può che rappresentare l’emblema culturale e storico per l’intera cittadinanza, e non ne comprendo la necessità di privarlo di una parte fondamentale e, a mio parere, nevralgica ed assolutamente da rivalutare, mediante opportuni interventi di lungimiranti esperti. 

Il cuore storico del Palazzo, non può che tornare ad essere nuovo protagonista della vita sociale, mediante lo sviluppo di offerte culturali e sinergie di intrattenimento personale, di cui ha costante bisogno la nostra società.

Il mio sostegno - conclude il regista rivolgendosi al comitato Risorgi Sirena - si accompagna ai più cordiali saluti ed auguri di buon lavoro per voi tutti”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Demolizione Palazzo Sirena a Francavilla, anche il regista Odorisio contrario

ChietiToday è in caricamento