Oggetti osceni nel sottopasso di Madonna delle Piane, Villablocc denuncia il degrado

Eppure, nel 2012 un ordine del giorno promosso dalla maggioranza approvò il sistema di videosorveglianza tanto invocato dai residenti

Non bastavano i cattivi odori, i topi, i bivacchi non autorizzati, l’abbandono dei rifiuti indiscriminato e il ritrovamento di siringhe. Ora il sottopasso ferroviario a ridosso della nuova stazione di Madonna delle Piane si è trasformato persino in un luogo a luci rosse. 

La denuncia arriva dal Comitato cittadino Villablocc per la tutela della salute e della vita, che ha scattato le fotografie che testimoniano il ritrovamento di “oggetti pornografici e osceni”, abbandonati lungo le scale che conducono ai binari e trovati nel tardo pomeriggio di ieri (martedì 22 agosto) da un residente del quartier. 

“Preservativi nuovi e usati, vagina morbida e vibratore per l’autoerotismo sono al centro di un caso che supera ogni limite di sopportazione e di pubblica decenza”, lamenta il comitato.

“Scandalizzati - proseguono gli esponenti del comitato - i cittadini vedono rinnovata una piaga aperta dovuta dallo stato di abbandono, di mancanza di controllo, sicurezza e sorveglianza del sottopasso pedonale, di cui usufruiscono bambini, anziani, studenti universitari e i parrocchiani della chiesa di Madonna delle Piane”. 

Il ritrovamento, unito alla situazione di degrado che perdura da tempo, viene considerato un “affronto” dai residenti del quartiere, che sin dall’inaugurazione del sottopasso, a marzo dell’anno scorso, e anche quando fu aperta la stazione, a giugno, chiesero un sistema di videosorveglianza.

Le telecamere, però, non sono arrivate, sebbene nel 2012, oltre cinque anni fa, il consiglio comunale della passata legislatura approvò un ordine del giorno, promosso dalla maggioranza, che prevedeva anche l’attivazione di un sistema di videosorveglianza.

“Quale sarà il prossimo uso di questo sottopasso?”, si chiede il comitato Villablocc. “I residenti dopo quest’ultima vicenda - conclude - si aspettano di tutto e il timore più grande è che il cavalcavia possa attirare l’interesse di personaggi equivoci o ancor più pericolosi malintenzionati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si è spento a 60 anni Marcello Petaccia, proprietario di un'ottica a Chieti

  • Venticinquenne si ribalta con la Bmw a Chieti: miracolosamente illeso

  • Presentata la nuova giunta comunale a Chieti: Rispoli al lavori pubblici, Pantalone al commercio

  • Il Consiglio di Stato boccia definitivamente il progetto Mirò: stop al centro commerciale di Santa Filomena

  • Tamponamento a catena sull’asse attrezzato, diverse auto coinvolte

  • "I dipendenti con un familiare in attesa di tampone devono andare al lavoro": la denuncia dell'Usb

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento