rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca Ortona

Febbo: la Asl non ha declassato la Senologia di Ortona, ma le donne organizzano una protesta

Il reparto ortonese non si chiamerà più “struttura complessa” ma “Programma di Chirurgia senologica”, per i sindacati si tratta di declassamento. L'assessore regionale dice che c’è un accordo con l’Ud'A per valorizzare l’alta valenza del reparto

Sul presunto declassamento del reparto di Senologia di Ortona, interviene l'assessore regionale Mauro Febbo: “Posso assicurare che non è previsto nessun declassamento, ma al contrario grazie ad un’intesa tra la Asl Lanciano Vasto Chieti e  l’Università d’Annunzio, è stato deciso di valorizzare le specificità del reparto” rassicura Febbo che sottolinea come “il reparto di Senologia manterrà la sua piena autonomia. A differenza delle notizie circolate in questi giorni infatti, la Asl non ha proceduto a nessun declassamento di Senologia a struttura semplice né dovrà fare riferimento ad altre unità operative".

Anche il rapporto contrattuale con la Asl del Direttore della Senologia, il professor Ettore Cianchetti, a quanto dice l'assessore, non muta.

Ma dal punto di vista organizzativo, il reparto ortonese non si chiamerà più “struttura complessa” ma “Programma di Chirurgia senologica”. "Questo significa - aggiunge Febbo - che non ci sarà alcuna svalutazione del suo ruolo e della sua importanza che invece sono pienamente riconosciuti e di cui, proprio in virtù del Programma, è evidenziata l’alta valenza in termini di ricerca. La cosa più importante da evidenziare riguarda le pazienti per le quali nulla cambierà, al contrario devono attendersi una maggiore e costante attenzione da parte della Asl".

Ma tali rassicurazioni continuano a non convincere i sindacati e nemmeno le donne in cura o curate in passato alla Senologia di Ortona, che starebbero per organizzare una protesta in piazza.

"E' veramente singolare dire che, un non meglio precisato "programma di chirurgia senologica", sia una valorizzazione e non un declassamento rispetto a una U.O.C.,la sola che può garantire autonomia organizzativa" dice Sergio Zinni della Cgil, che aggiunge "Sulla stampa abbiamo appurato che il benservito al professor Cianchetta gli è stato recapitato con una lettera a firma congiunta del direttore generale della ASL e del rettore della d'Annunzio.Da quello che sta avvenendo, sembra che l'intesa riguardi un divorzio consensuale tra Asl di Chieti e l'università d'Annunzio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Febbo: la Asl non ha declassato la Senologia di Ortona, ma le donne organizzano una protesta

ChietiToday è in caricamento