menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A San Giovanni Teatino la grandine ha causato danni per oltre 10 milioni di euro

Questo il dato del report che il Comune ha inviato alla Regione per chiedere il risarcimento. Ora si dovrà chiedere lo stato di calamità naturale

La grandinata dello scorso 10 luglio ha causato danni per 10 milioni 206 mila e 451 euro nel territorio comuale di San Giovanni Teatino. Sono questi i dati del report stilato dall'architetto Assunta Di Tullio, responsabile del III settore. La somma fa riferimento ad una prima stima dei danni a privati, attività produttive ed istituzioni pubbliche causati dagli "eccezionali eventi meteorologici del 10 luglio 2019 con forti piogge associate a trombe d'aria, allagamenti ed estese e violente grandinate".

"I danni sono stati ingenti - dichiara il sindaco Luciano Marinucci - e alla luce di questi numeri auspichiamo che il Governo nazionale, così come è avvenuto per passate emergenze, predisponga un adeguato ristoro per venire incontro ai tanti cittadini duramente colpiti".

"Si tratta della ricognizione dei fabbisogni - ricorda il vicesindaco Giorgio Di Clemente -  ed è necessaria alla valutazione della tipologia dell'evento emergenziale di protezione civile occorso".

Sono state 1.398 le segnalazioni dei privati, per complessivi 10.089.098,20 euro così suddivise: 486 per danni a strutture ed infrastrutture per 3.550.680,03 euro, 848 per danni a beni mobili registrati privati (veicoli) per 2.058.582,07, 46 per danni a strutture, infrastrutture, beni, attrezzature e scorte di attività economiche e produttive per 4.308.036,10 euro, 8 per danni a strutture ed infrastrutture agricole per 51.800 euro.

Il Comune ha già sostenuto spese per 62.323,24 euro: 13.453,16 euro per la rimozione di alberi e ramaglie abbattuti, 3.224,56 euro per la rimozione di fango ed acqua dai fossi, 20.502,08 euro per la riparazione di coperture in edifici pubblici, 25.003,44 per la riparazione di impianti di pubblica illuminazione e 170 euro per il primo alloggio.

"L'attività egregiamente svolta dai nostri uffici, non costituisce riconoscimento automatico di eventuali contributi a carico della finanza pubblica per il ristoro dei danni, ma - specifica Di Clemente - è una ricognizione per la richiesta dello stato di emergenza ".

La Regione dovrà ora richiedere lo stato di calamità naturale al Governo per avere i risarcimenti in tempi relativamente brevi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento