menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Danni incalcolabili all'agricoltura, le proposte di Coldiretti per affrontare l'emergenza

“Gli ultimi eventi catastrofici hanno paralizzato un’intera regione causando problemi enormi – dice Coldiretti Abruzzo – con questo documento formuliamo proposte concrete al fine di tutelare meglio gli interessi del mondo agricolo fortemente provato insieme al resto della comunità e dell’economia regionale”

Un primo documento per fronteggiare l’emergenza maltempo e gli ingentissimi danni alle aziende agricole è stato inviato da Coldiretti Abruzzo all’assessore alle politiche agricole Dino Pepe che ne ha riportato il contenuto al ministro all’agricoltura Maurizio Martina in occasione della riunione operativa che si è svolta ieri (venerdì 20 gennaio) alla Prefettura di Teramo alla presenza del Prefetto di Teramo Graziella Patrizi, dei presidenti di Coldiretti Abruzzo Domenico Pasetti e Coldiretti Teramo Emanuela Ripani oltre ai rappresentanti delle altre organizzazioni di categoria. 

Nel corso dell’incontro, per fare il punto sull’emergenza terremoto e maltempo e sulle ulteriori operazioni necessarie per fronteggiare le urgenze agricole, è stata fatta un’analisi aggiornata dei danni creati dal maltempo, su cui finora è ancora presto fare una stima precisa visto che, ora dopo ora, emergono situazioni diverse e sempre più gravi.  

Nel documento, Coldiretti Abruzzo propone alcuni provvedimenti da adottare per aiutare le tante aziende in difficoltà. In particolare si chiede: immediato sblocco dei pagamenti delle misure agroambientali; sospensione di tutti gli adempimenti fiscali e tributari; proroga di almeno 90 giorni di tutti gli attuali termini di scadenza previsti per le misure del Programma di sviluppo rurale e richiesta di integrazione di 100milioni di euro della dotazione attuale del Psr per l’attivazione di alcuni interventi specifici tra cui il ripristino e il potenziale danneggiato delle imprese agricole sia in termini di strutture che di scorte vive (bestiame e seminativi); ulteriori e suppletive assegnazioni di carburante agricolo agevolato per far fronte alle maggiori esigenze solo per citare alcune delle richieste avanzate. “Gli ultimi eventi catastrofici hanno paralizzato un’intera regione causando problemi enormi – dice Coldiretti Abruzzo – con questo documento formuliamo proposte concrete al fine di tutelare meglio gli interessi del mondo agricolo fortemente provato insieme al resto della comunità e dell’economia regionale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento