Cupello: edicolante aggredito e picchiato, l'appello del sindaco

Un uomo di Cupello è finito in ospedale con naso rotto e lesioni a un occhio dopo una brutale aggressione sulla quale ora indagano i carabinieri. Intanto cresce la paura fra i commercianti

Brutale aggressione ai danni di un edicolante di Cupello, finito in ospedale con naso rotto e lesioni a un occhio. E’ accaduto domenica mattina in piazza Garibaldi, quando un uomo a volto coperto è entrato nell’attività che vende tabacchi e giornali e ha colpito la vittima al volto. E’ stato messo in fuga da alcuni cittadini che hanno allertato i soccorsi. L’aggressore è fuggito in moto con un complice senza portare via nulla.
 

L’edicolante, 66 anni, è stato trasportato e ricoverato in ospedale a Vasto, dove i medici gli hanno dato un mese di prognosi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco di Cupello, Manuele Marcovecchio, ha lanciato un appello per invitare chiunque abbia visto o saputo qualcosa di parlare. Sui fatti indagano i carabinieri, coordinati dal maggiore Giancarlo Vitullo. Non si conoscono le ragioni dell’aggressione, ma sarebbe da escludere la rapina poiché a quell’ora del giorno non c’erano troppi soldi in cassa.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Cosa non lavare mai in lavastoviglie, per stoviglie sempre perfette: l’elenco

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi in Abruzzo: ci sono 78 nuovi casi

  • Francavilla in lutto per la scomparsa del tabaccaio Enzo Catelli

  • È scomparso ad Arielli il "poeta agricoltore" Tommaso Stella

Torna su
ChietiToday è in caricamento