Cucciolo ferito sull'autostrada salvato dalla stradale, forse è stato abbandonato

Il barboncino non ha collare né microchip e ha rischiato di mettere in pericolo la sua vita e quella degli automobilisti

Brutta avventura a lieto fine per un cucciolo di barboncino, salvato sull'autostrada A14 dagli agenti della polizia stradale. L'episodio risale allo scorso 24 luglio, ma è stato reso noto soltanto oggi.

Protagonista del salvataggio una pattuglia della sottosezione di Vasto sud. Durante il servizio di vigilanza in autostrada, gli operatori sono stati allertati da alcuni automobilisti di passaggio della presenza di un cane, che creava pericolo alla circolazione, nel tratto all'altezza di Val di Sangro, dove il traffico era particolarmente intenso anche a causa dell'esodo estivo.

Subito gli agenti hanno individuato il cucciolo, ferito e sanguinante che, spaventato, si era nascosto nella scarpata adiacente la carreggiata. Per evitare problemi agli auotomobilisti o al cane, gli agenti hanno provveduto a segnalare il pericolo, allertando nel frattempo la Asl, che ha provveduto a recuperare il cucciolo, portato in una sede idonea alle prime cure veterinarie. 

Il cagnolino non aveva collare né microchip che potessero far risalire al proprietario. così, è stato affidato al canile di Lanciano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento