menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi idrica nel Chietino: via libera dal Ministero a un tavolo interistituzionale

I problemi legati alla risorsa idrica finiscono sul tavolo del Ministro per l’ambiente

La crisi idrica nel comprensorio dell’ex Ato del Chietino e che sta creando non pochi disagi ai cittadini residenti nei Comuni ora gestiti dalla Sasi arriva sul tavolo del Ministro dell’ambiente che ha dato l’ok all’istituzione di un tavolo dedicato alla questione.

Lo riferisce il deputato abruzzese della Lega, Giuseppe Bellachioma: “Finalmente qualcosa si muove per fronteggiare la grave emergenza idrica che sta mettendo in ginocchio la provincia di Chieti. Dopo la nostra insistenza, il governo si è reso finalmente disponibile a convocare, come avevamo chiesto, un tavolo interistituzionale con Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) e tutti i soggetti interessati. Ciò per avviare subito interventi di natura infrastrutturale e gestionale necessari per risolvere la situazione, mentre sono state sbloccate le economie di diversi piani di interventi”. 

Ora la Regione Abruzzo dovrà far arrivare al ministero dell’Ambiente la richiesta ufficiale di convocazione del tavolo, e alla Sasi, che a sua volta dovrà far pervenire tempestivamente gli studi di fattibilità degli interventi da realizzare per porre fine all'emergenza idrica.

In più occasioni il presidente della Sasi Gianfranco Basterebbe e i consiglieri Corrado Varrati e Maira Roberti hanno ribadito la necessità di investimenti per intervenire in maniera mirata e risolutiva sulle infrastrutture gestite. “La società – hanno dichiarato - ha lavorato e sta lavorando con impegno senza trascurare nessun elemento per ridurre e contenere le difficoltà che derivano dalla mancanza d’acqua. Fondamentale, quindi, reperire i finanziamenti necessari, e con questo obiettivo, insieme ai Sindaci dei Comuni soci, la Sasi ha intrapreso un percorso costruttivo di dialogo e di confronto con le Istituzioni e con tutte le forze politiche. Senza distinzione, l’acqua è un bene di tutti, prezioso e incolore".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Attualità

“Mio padre chiamato per il vaccino un mese dopo il decesso”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento