Cronaca

Crac Carichieti, parte l'inchiesta per truffa

Sul tavolo della procura i casi di 10 clienti segnalati dal Codacons, che hanno perso fino a 400mila euro

C’è un’inchiesta per truffa contro Carichieti, per la vicenda del crollo delle obbligazioni subordinate. Si tratta di dieci casi, segnalati dall’associazione dei consumatori Codacons, per il momento, su cui indaga la procura di Chieti, ancora a carico di ignoti. Storie di altrettante famiglie che, in un attimo, con il decreto Salvabanche, hanno perso i risparmi di una vita o quanto avevano messo da parte e investito per il futuro. 

Come il caso di due genitori che hanno investito 100mila euro ottenuti come risarcimento per la morte della figlia in un incidente stradale. Di quei soldi, oggi, non c’è più niente. La somma più alta arriva a 400mila euro, andati in fumo nel giro di pochi giorni

C’è da aspettarsi i casi nel mirino della procura siano destinati ad aumentare. Ma non  è chiaro se, qualora si dovesse realmente ravvisare il reato di truffa, saranno chiamati a risponderne i singoli impiegati che hanno proposto le obbligazioni ai clienti della banca, o i direttori delle filiali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crac Carichieti, parte l'inchiesta per truffa

ChietiToday è in caricamento