rotate-mobile
Cronaca Vasto

Cotir: prosegue lo sciopero dei lavoratori, a Vasto arriva Pepe

Un lumicino sul davanzale di una finestra simboleggia la drammatica situazione in cui versano da anni i lavoratori del centro di ricerche. Smargiassi (M5S): "Che fine abbia fatto il fondo di rotazione istituito per garantire le spese per i progetti di ricerca?"

Prosegue la protesta di tecnici e ricercatori del Cotir a Vasto, senza stipendio da 22 mesi. Ieri i lavoratori sono saliti sul tetto e due di loro hanno iniziato lo sciopero della fame. I cancelli d'ingresso del Consorzio per la divulgazione e la sperimentazione delle tecniche irrigue in località Zimarino restano chiusi: sarà un lumicino sul davanzale di una finestra al secondo piano a simboleggiare, per tutta la durata della protesta, la drammatica situazione in cui versano da anni i lavoratori.

Questa mattina la visita dell'assessore regionale alle Politiche agricole, Dino Pepe, accompagnato dal sindaco Luciano Lapenna, per ascoltare gli oltre trenta lavoratori umiliati da una situazione che si trascina da troppo tempo in un vergognoso rimbalzo di responsabilità.

"Oggi la regione raccoglie il frutto delle promesse mancate riguardo la situazione del Cotir - commenta Pietro Smargiassi del M5S - I lavoratori si chiedono che fine abbia fatto il fondo di rotazione, istituito per garantire le spese per i progetti di ricerca, le cui somme erano attese per lo scorso novembre. Restiamo fiduciosi  in attesa del bilancio previsionale del 2016, certi di trovare una cifra interessante sul capitolo centri di ricerca e non un sonoro zero come fu nel 2015. Ad oggi- conclude - nulla è cambiato dall’ultima volta che i dipendenti del Cotir protestarono per i loro diritti"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cotir: prosegue lo sciopero dei lavoratori, a Vasto arriva Pepe

ChietiToday è in caricamento