menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Costituente e Wwf: il Parco della Costa Teatina può creare nuove occupazioni

Gli ambientalisti incontrano il commissario e chiedono subito la perimetrazione per il rilancio di un territorio in crisi. De Dominicis ha spiegato le difficoltà incontrate e ha illustrato i passi già compiuti

Una delegazione della Costituente per il Parco della Costa Teatina e il Wwf Abruzzo hanno incontrato il commissario straordinario per la perimetrazione del Parco Giuseppe De Dominicis negli uffici della Provincia a Chieti per chiarire le rispettive posizioni.

Il commissario ha spiegato la difficile situazione in cui si è trovato a operaree ha brevemente illustrato i passi sin qui compiuti garantendo il massimo impegno per arrivare quanto prima possibile alla definizione dei confini del Parco, passaggio fondamentale per rendere operativa l’area protetta.

Gli ambientalisti, nel dare atto al commissario dei propri sforzi, hanno sollecitato le istituzioni nazionali e locali ad offrirgli la massima collaborazione ricordando però che il Parco è stato istituito da una legge del 2001 e che "sono trascorsi inutilmente ormai quasi 14 anni e che i cittadini e le associazioni sono stanchi di aspettare. La mancata perimetrazione del Parco ha comportato una serie di problemi all’ambiente, con ulteriori cementificazioni, ma anche allo sviluppo economico e sociale di un territorio da troppo tempo investito dalla crisi. Sono mancati investimenti diretti, che pure erano stati stanziati, ed è mancato l’effetto parco che avrebbe potuto rappresentare un eccezionale volano per il rilancio".

Gli ambientalisti hanno parlato del rapporto 2014 “L’economia reale nei parchi nazionali e nelle aree naturali protette”, firmato dal Ministero dell’Ambiente e da Unioncamere, i cui numeri dimostrano chiaramente gli effetti economici positivi riscontrati nei territori sottoposti a tutela. Ad esempio i parchi naturali ospitano un  numero di imprese gestite da giovani al di sotto dei 30 anni e da donne maggiore della media nazionale. Nei 23 parchi nazionali oggi attivi in Italia sono presenti 68mila imprese, il 13,1%  delle quali (a raffronto con una media nazionale dell’11,1) è gestito da under 30 e il 26,8% (contro il 23,6 nazionale) da donne. Tra l’altro proprio due parchi abruzzesi, il PNALM e quello della Majella, sono ai primissimi posti in questa graduatoria.  In una recente indagine Confesercenti era stato invece evidenziato come il turismo verde continui a registrare un tendenza positiva, anche se con piccoli aumenti, a dispetto di una crisi che sta creando seri problemi al settore nel suo complesso.

Secondo Unioncamere l’effetto Parco sostiene il PIL, favorisce l’occupazione dei giovani e delle donne, combatte lo spopolamento dei piccoli centri altrimenti destinati a un inesorabile decadenza. Già solo per questo è fondamentale che il Parco dei Trabocchi venga messo in condizioni operative nel più breve tempo possibile, prima della prossima bella stagione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento