menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un muro dell'istituto Galiani

Un muro dell'istituto Galiani

Gli studenti tornano a protestare per chiedere igiene e sicurezza nelle scuole

Mercoledì il corteo in centro storico di tutte le scuole superiori di Chieti, ad eccezione del Masci, protagonista una settimana fa di un'analoga manifestazione

Dopo la protesta del liceo scientifico Masci, gli studenti teatini tornano in piazza, questa volta tutti insieme, per farsi sentire sul tema della sicurezza delle scuole. Protagonisti del corteo in programma per mercoledì (16 novembre) nel centro di Chieti saranno gli alunni dell’istituto tecnico commerciale Galiani-De Sterlich, dell’industriale Luigi di Savoia, del professionale Pomilio, del liceo pedagogico Gonzaga, del liceo artistico Nicola da Guardiagrele e del classico Vico. 

Ancora una volta, al centro della protesta ci sono le condizioni degli istituti, dove ogni giorno i ragazzi passano metà giornata tra mura sporche o poco stabili, bagni dalle condizioni pietose e molti altri disagi ancora. I ragazzi, in particolare gli studenti della ragioneria, consapevoli che la struttura non è sismicamente a norma, chiedono agli enti competenti di ristrutturare un edificio tutt’altro che accogliente. 

Qualche giorno fa hanno inviato un documento alla preside, per chiedere una certificazione che rassicurasse sulle condizioni della struttura dopo i controlli post sisma. La dirigente ha spiegato che la competenza dell’edificio è provinciale, ma neppure dall’ente i ragazzi hanno avuto le risposte desiderate. 

Oltre alla sicurezza della scuola, gli studenti protestano per le condizioni dei bagni, facilmente intuibile dalle fotografie scattate dagli stessi ragazzi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento