menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due classi in quarantena all’istituto comprensivo Galilei di San Giovanni Teatino

Sindaco e dirigente scolastico invitano al rispetto della privacy: "La situazione è sotto stretta vigilanza dagli organi preposti. Ricordiamo alle famiglie di continuare a osservare scrupolosamente tutte le norme anti contagio"


Due classi dell’Istituto Comprensivo G. Galilei di San Giovanni Teatino sono in isolamento domiciliare rispettivamente fino  all’11 novembre e al 10 novembre. La comunicazione ufficiale è arrivata dalla Asl dopo l’esito dei test ma è scattato il panico tra le famiglie degli alunni della scuola. Le famiglie delle classi interessate sono già state avvisate.

“La scuola segue il protocollo che ormai conosciamo – ha precisato la dirigente scolastica del Galilei, Francesca Di Tecco, invocando il rispetto della privacy – in caso di positività occorre rivolgersi al medico e al referente Covid della scuola. Questo permetterebbe di attivare quelle soluzioni che potrebbero contribuire alla soluzione del problema”. La dirigente pertanto ha invitato a “rivolgersi alle persone giuste e non a genitori o rappresentanti che non conoscono bene le situazioni. Laddove – ha aggiunto -  il Dipartimento di prevenzione  della Asl comunica casi di positività, chiede alla scuola l’elenco degli alunni e dei docenti che hanno avuto contatto con il caso nelle 48 ore precedenti la comparsa dei sintomi e, nel caso di asintomatici, nelle 48 precedenti l’esito del tampone”.

Il sindaco di San Giovanni Teatino, Luciano Marinucci, ha rassicuriato i cittadini sul fatto che “la situazione è tenuta sotto stretta vigilanza dagli organi preposti, secondo i protocolli vigenti. Ricordiamo alle famiglie di continuare a osservare scrupolosamente tutte le norme anti contagio, che prevedono in primo luogo l’uso della mascherina, l’igienizzazione delle mani e il distanziamento sociale, agendo nel rispetto della privacy propria e altrui. In caso di dubbi, inoltre, consigliamo di contattare il medico curante e le figure di riferimento”.

Intanto aumentano i casi positivi a San Giovanni Teatino: ieri il sindaco ha riferito di 40 casi positivi e 50 contatti in quarantena. “L’invito – ha ribadito - come sempre è ad attenersi alle norme e alle comunicazioni ufficiali, nel rispetto della privacy propria e altrui”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento