Processione del Venerdì Santo, si ferma anche il Miserere per il Coronavirus

Sospese le prove a causa della diffusione del virus Covid19. Quest’anno la data della suggestiva processione teatina è il 10 aprile  

I musicisti della suggestiva processione del Venerdì Santo di Chieti devono fermarsi. A seguito del decreto ministeriale del 4 marzo che prevede l’adozione di misure precauzionali da adottare sull’intero territorio nazionale per evitare il diffondersi del virus Covid19, e che prevede la sospensione delle manifestazioni e degli eventi svolti in ogni luogo affollato sia pubblico che privato, il maestro Peppino Pezzulo e i suoi circa duecento elementi formati da violini, viole, violoncelli, flauti traversi, clarinetti, fagotti e sassofoni, sono costretti a fermarsi.

Ai musicisti è stato raccomandato, però, di “continuare a studiare individualmente, per essere pronti a riprendere in ogni momento. Sperando che la situazione migliori in breve tempo”.

Quest’anno il Venerdì Santo cade il 10 aprile. La solenne processione del Venerdì santo di Chieti è considerata fra le processioni più antiche d'Italia, La sua origine, infatti, risalirebbe all'842 d.C., anno in cui si concluse ufficialmente la ricostruzione della prima cattedrale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una delle tradizioni della processione di Chieti è che questa si debba sempre svolgere, anche in condizioni atmosferiche pessime o durante accadimenti rilevanti, come avvenne durante la seconda guerra mondiale: nel 1944 infatti, nonostante fosse stato emanato il divieto di effettuare la processione, questa si svolse ugualmente, sebbene in versione ridotta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Coronavirus: altri 37 nuovi positivi, 11 nel Chietino

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento