menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus: smart working per i dipendenti del Comune e modifiche degli orari di ricevimento

L'ente è pronto ad attivare il Coc qualora venisse riscontrato almeno un caso di positività al Covid 19, per il quale non si conosca la fonte di trasmissione

Disposizioni per evitare il contagio da Coronavirus anche dal sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, dopo la riunione di ieri alla prefettura dell'Aquila, a cui hanno partecipato i Prefetti abruzzesi, i vertici di Regione, Province, Forze dell'Ordine e Protezione Civile e i sindaci del territorio, per discutere delle nuove misure emanate dal Governo in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. 

Questa mattina, Di Primio ha convocato una riunione operativa in Comune, a cui hanno partecipato il segretario generale, i dirigenti comunali, la comandante della Polizia Municipale, il responsabile dello staff dell’ufficio Legale e quello del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione  

È stato stabilito, secondo quanto emerso dalla riunione aquilana che, "qualora venisse riscontrato almeno un caso di positività al virus, per il quale non si conosca la fonte di trasmissione o comunque il caso non risulti riconducibile a una persona proveniente da un’area già interessata dal contagio, sarà attivato il Coc del Comune”. Inoltre, in fase di discussione il sindaco ha garantito per i dipendenti del Comune di Chieti l’attivazione di forme di lavoro flessibile, smart working, nei luoghi e termini previsti dalle vigenti disposizioni di legge ove ricorrano i presupposti per autorizzarli. 

Al fine di dare una immediata attuazione alle disposizioni del decreto ministeriale, i dirigenti comunali modificheranno il proprio orario di ricevimento al pubblico per evitare affollamento di persone.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento