Controlli a tappeto per limitare i contagi da Covid 19: stazioni, trasporto urbano e movida nel mirino

Il piano del questore Gargano ha già portato buoni risultati in tutta la provincia, dove è emersa una certa sensibilità al rispetto delle regole

Il questore di Chieti Annino Gargano, quale autorità provinciale tecnica di pubblica sicurezza, ha pianificato, d'intesa con i vertici provinciali dei carabineiri e della guardia di finanza, una serie di controlli, in particolare nel fine settimana e nei luoghi di maggiore aggregazione giovanile. 

I controlli, già particolarmente efficienti, saranno implementati alla luce di quanto stabilito nella riunione di stamani del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza.

Dall'inizio di ottobre, sono già state controllate 3.142 persone, alcune delle quali sanzionate, riscontrando comunque un sostanziale rispetto delle norme. Sono stati inoltre controllati 567 esercizi commerciali, con la sensibilizzazione dei titolari a tenere alta l'attenzione sul rispetto delle regole, senza riscontrare infrazioni. 

Soprattutto nel fine settimana e nei punti di maggiore ritrovo, sono stati svolti controlli da parte delle forze di polizia. La stradale ha riscontrato 488 infrazioni al codice della strada, di cui alcune relative alla guida in stato di ebbrezza. Sono state ritirate 2 patenti e una carta di circolazione e sono stati decurtati in totale 737 sulla patente di guida. 

Inoltre, sono già in corso controlli sul trasporto locale, alle partenze degli autobus di linea, cittadini e su ambito provinciale. Il personale della Polfer controlla le stazioni ferroviarie di tutto il territorio provinciale.

Inoltre, come concordato nel tavolo tecnico tenuto dal questore, i controlli di tutte le forze di polizia proseguiranno nelle prossime settimane, secondo una progressione già pianificata. 

I controlli anti-Covid, che avverranno in sinergia con la poliiza locale dei principali Comuni del chietino, verranno svolti anche da personale specializzato della squadra di polizia ammnistrativa della questura e dalle altre forze di polizia, soprattutto in relazione alla verifica del rispetto del divieto di vendita di alcoli e superalcolici a minori, oltre alle verifica del rispetto degli orari e delle altre limitazioni introdotte dai recenti provvedimenti normativi. 

I controlli continueranno a riguardare i luoghi di ritrovo in cui, negli ultimi tempi, si sono verificati episodi di violenza ai danni di giovani, con l'obiettivo di evitare il ripetersi di tali situazioni e per contrastare il fenomeno dello spaccio di stupefaceniti. Questa attività di contrasto prosegue anche attraverso una più serrata attività investigativa, diretta a intervenire sui canali principali di immissione dello stupefacente in provincia, sulla scia di quanto effettuato negli ultimi tempi, con importanti sequestri di droga, in particolare marijuana e hashish. 

Le attività di controllo, fanno sapere dalla questura, verranno effettuate con scrupolosità e buon senso e saranno finalizzate a innalzare il livello di attenzione, già alto, da parte soprattutto di giovani frequentatori di locali pubblici, sul rispetto delle norme di contenimento del contagio. 

Particolare attenzione sarà posta ai centri storici di Vasto e Lanciano e degli altri principali comuni della provincia, e alle zone di Chieti Scalo e del Colle per il capoluogo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

Torna su
ChietiToday è in caricamento