rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca San Salvo

Lotta alla pesca illegale, sequestrati 20 chili di pescato non tracciato destinato ai pranzi di Ferragosto

Sanzionati pescatori sportivi che avevano raccolto 50 chili di cozze e un ristoratore di San Salvo che deteneva nella propria cucina pesce privo di documentazione che ne attestasse la provenienza

Nei giorni scorsi la Guardia Costiera di Vasto è stata impegnata in varie operazioni mirate al contrasto della pesca illegale e della commercializzazione di prodotto ittico non tracciato per la tutela del consumatore. 

I militari della Capitaneria di Porto, a bordo della motovedetta e del battello veloce, hanno svolto una serie di attività per il contrasto alla pesca illegale.

In totale sono stati salpati 22 attrezzi da pesca non consentiti (nasse con ancore e piccoli galleggianti) posizionati proprio all’imboccatura del porto, creando dunque anche potenziali pericoli anche per le unità navali in transito nelle vicinanze.

Sono poi stati individuati e sanzionati anche alcuni pescatori sportivi che avevano appena raccolto circa 50 chilogrammi di cozze, anch’esse in luoghi non consentiti.

Nell’ambito dei controlli finalizzati alla tutela del consumatore, invece, sono state accertate violazioni da parte di un ristoratore di San Salvo, che deteneva nella propria cucina pesce privo di qualsivoglia documentazione che ne attestasse la provenienza. 

Per tali ragioni, gli ispettori della Guardia Costiera hanno posto sotto sequestro un quantitativo di 20 chilogrammi di pescato, per evitare che lo stesso potesse essere servito ai clienti.

La Guardia Costiera continuerà nella sua attività di monitoraggio nel settore della pesca soprattutto nel periodo di maggior afflusso di turismo, quando, statisticamente, si assiste ad un incremento di comportamenti illeciti in tali  tipologie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alla pesca illegale, sequestrati 20 chili di pescato non tracciato destinato ai pranzi di Ferragosto

ChietiToday è in caricamento