L'azienda non poteva continuare l'attività, ma aveva anche un lavoratore in nero: sanzionato il titolare

Migliaia di persone e aziende controllate dalla guardia di finanza dall'inizio dell'emergenza, con la scoperta di alcune posizioni irregolari

Non solo si continuava a lavorare, nonostante l'attività non rientrasse tra quelle ritenute essenziali dagli ultimi decreti con le misure di contenimento per il Coronavirus, ma c'era anche un lavoratore in nero, senza regolare contratto. Per questo, il titolare di una società della provincia di Chieti, dovrà pagare una sanzione amministrativa da 400 a 3 mila euro ed è stato costretto a chiudere l'attività per 5 giorni, in attesa dei successivi provvedimenti della prefettura. 

È uno dei casi emersi nelle ultime settimane dai controlli della Guardia di finanza negli esercizi pubblici di tutto il chietino, per verificare l’obbligo di sospensione delle attività imposte dal Governo e prevenire il contagio da Covid 19.

Nel caso in questione, per l'azienda è prevista anche la sanzione accessoria della chiusura dell'esercizio da 5 a 30 giorni, che sarà emanata dalla prefettura. Anche il magazziniere senza contratto dovrà pagare la sanzione amministrativa da 400 a 3 mila euro, perché, senza alcuna motivazione, dal momento che il suo rapporto di lavoro non era irregolare, si era spostato in un altro comune. 

In seguito, la sua posizione sarà esaminata con separata attività ispettiva in materia di lavoro e/o fiscale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I controlli delle Fiamme gialle sono stati molto intensi dagli inizi di marzo: migliaia sono state le persone controllate in strada, 4 attività commerciali segnalate alla Prefettura per la sospensione e 92 i soggetti sanzionati per il mancato rispetto dei provvedimenti che limitano la mobilità dei cittadini, non avendo fornito giustificati motivi sugli spostamenti. A questi si affiancano anche i quotidiani controlli sulla disciplina dei prezzi, la contraffazione dei marchi e quelli finalizzati al rispetto del codice del consumo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Coronavirus: altri 37 nuovi positivi, 11 nel Chietino

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento