Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Pesca da frodo e violazioni alle norme anticontagio: la guardia costiera emana sanzioni da oltre 5 mila euro

Nelle ultime settimane, specialmente nei weekend, i controlli in mare e sul litorale si sono fatti ancora più serrati

Nemmeno l'emergenza da Coronavirus ferma i pescatori di frodo e quelli che non rispettano le regole. Perciò, anche in questo periodo, l'attività di controllo della guardia cositera di Vasto è stata intensa, specialmente nel fine settimana, sotto il coordinamento della capitaneria di porto di Ortona.

I militari dell'ufficio circondariale marittimo di Vasto, tramite pattuglie via terra e mezzi nautici in mare, hanno operato anche per scoraggiare eventuali comportamenti in contrasto con le prescrizioni imposte dai decreti del presidente del Consiglio dei ministri e dalle connesse ordinanze del presidente della giunta regionale.

In due distine missioni in mare, con la motovedetta Cp 538 e il battello Gc B 14, i militari hanno proceduto alla rimozione e al sequestro di due reti da pesca: i segnalamenti obbligatori erano stati sostituiti da piccoli galleggianti per cercare di sfuggire ai controlli. 

Una delle reti, di circa 100 metri, era posizionata a 20 metri dal pontile di Vasto, mentre la seconda, di circa 250 metri, è stata rinvenuta lungo la scogliera posta nei pressi del fiume Sinello. Le violazioni hanno portato alla redazione di processi verbali per un totale di 4 mila euro a carico di ignoti: sono in corso indagini per individuare i responsabili.

Le pattuglie dei militari via terra invece hanno perlustrato i circa 40 chilometri di litorale, verificando e acquisendo le autocertificazioni di 63 persone e controllato 5 esercizi commerciali. L’attività di controllo ha comportato l’elevazione di 3 processi verbali per un totale di 1.466 euro. 

Lo stesso personale di Circomare, nell’ambito della collaborazione assicurata al Wwf, durante le varie missioni ha controllato le dune interessate dalla nidificazione del fratino al fine di verificare l’integrità e la salvaguardia dei luoghi di proliferazione della specie protetta. 

Continuerà in maniera costante l’attività di controllo del litorale di giurisdizione del circondario marittimo e delle strutture ricettive portuali e demaniali, anche al fine di scoraggiare comportamenti in contrasto con le attuali disposizioni in materia di prevenzione al contagio e diffusione del virus Covid19.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesca da frodo e violazioni alle norme anticontagio: la guardia costiera emana sanzioni da oltre 5 mila euro

ChietiToday è in caricamento