menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chieti diventa capitale dei club Lions: più di mille persone in città

Nel fine settimana il centro storico ospita il congresso del distretto 108A. Un'occasione per far conoscere la città

Nel fine settimana, Chieti diventa la capitale degli 87 club Lions del distretto 108A. Sabato (6 maggio) e domenica (7 maggio), infatti, il centro storico teatino ospita il 21esimo congresso distrettuale, in occasione del centenario della nascita dei Lions. L'evento è organizzato dal Lions club Chieti Host, presieduto da Paolo Ciammaichella, insiema al club I Marrucini, al neonato Melvin Jones e al Leo club teatino, la sezione per i giovani fino ai 30 anni. 

Per due giorni 345 delegati e i loro accompagnatori, provenienti da Romagna, Marche, Abruzzo e Molise (queste le regioni che compongono il distretto 108A) si riuniranno in assemblea al teatro Marrucino di Chieti, per eleggere il nuovo governatore, revisionare lo statuto e discutere dei temi di cui si occuperanno i club nei prossimi 12 mesi. Gli incontri sono liberi, quindi chiunque potrà avvicinarsi al mondo dei Lions e scoprire come funziona questa importante realtà associativa. Inoltre, nell’ambito dei lavori congressuali proseguirà la raccolta delle firme per la presentazione della proposta di legge popolare riguardante l’obbligatorietà dell’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole medie che i lions hanno deciso di sostenere. 

Dopo le formalità burocratiche, gli ospiti visiteranno la città, accompagnati da alcune guide, secondo due programmi individuati: Chieti capitale dell’Abruzzo Citeriore. Viaggio nella storia dal Medioevo all’Unità d’Italia e Chieti capitale dei Marrucini. Viaggio nella storia dell’antica Teate Marrucinorum. Poi, sabato sera, cena di gala al rinnovato ristorante Bellavista.

Nei giorni del congresso, in piazza Valignani saranno posizionati alcuni stand dove si potrà prendere visione delle attività di servizio dei lions distrettuali: i cani guida per i non vedenti, il service “Viva Sofia” per far conoscere le tecniche di primo soccorso, il “Progetto Martina” per la prevenzione dei tumori con gli studenti degli istituti superiori, etc. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento