menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Angelo Allegrino

Angelo Allegrino

Confcommercio: raccolta firme contro chiusura della caserma Berardi

Più di mille firme raccolte in pochi giorni tra commercianti e cittadini per dire no alla chiusura del 123esimo reggimento fanteria Chieti. "Sarebbe un colpo mortale per il piccolo commercio", dice il presidente Allegrino

Oltre mille firme raccolte dai commercianti della città in pochi giorni per ribadire un “no” deciso alla chiusura, ormai prossima, del 123° Reggimento Fanteria Chieti che ha sede all'interno della storica caserma Berardi. Confcommercio non si arrende e dopo l’appello accorato rivolto alle istituzioni locali è scesa in campo per contrastare in concreto lo smantellamento del 123° Reggimento. Struttura militare che, ogni anno, ospita complessivamente circa 2.400 giovani militari volontari

Un indotto significativo per la micro economia cittadina considerando che, oltre agli acquisti effettuati dai militari nei negozi al dettaglio della città, nelle giornate dei giuramenti centinaia di famiglie provenienti da ogni angolo del centro-sud raggiungono e soggiornano a Chieti per qualche giorno. Viene messa in moto, di conseguenza, anche l’economia che ruota attorno alle strutture ricettive dislocate sul territorio teatino, dagli alberghi e agli affitta-camere.

“La chiusura del 123° Reggimento Fanteria- afferma Angelo Allegrino, presidente provinciale Confcommercio Chieti-  rappresenterebbe il classico colpo mortale per il piccolo commercio cittadino che continua a muoversi tra mille difficoltà quotidiane. Per questo stiamo facendo di tutto per sensibilizzare l’opinione pubblica.” Con risultati più che soddisfacenti. Confcommercio, nel dettaglio, ha lanciato una raccolta firme tra i negozi e le attività commerciali della città distribuendo una locandina dallo slogan inequivocabile: “Il 123° Reggimento Fanteria Chieti non deve chiudere”.

In meno di dieci giorni, oltre mille persone hanno aderito alla petizione di Confcommercio apponendo la propria firma in calce sui prestampati consegnati. “La categoria e la popolazione tutta- aggiunge Marisa Tiberio, presidente delegazione Chieti Confcommercio- sentono molto questa problematica e il risultato ottenuto finora dalla nostra iniziativa è quanto mai emblematico in tal senso. Andremo avanti con l’obiettivo di totalizzare quante più firme possibili.”

La petizione, una volta conclusa, verrà consegnata agli enti locali nella speranza di poter scongiurare la chiusura del glorioso 123° Reggimento Fanteria Chieti o, in alternativa, di salvaguardare comunque la vocazione militare della città. “La Confcommercio come sempre- riprende Allegrino- sta facendo la sua parte. L’augurio è che anche le istituzioni sposino a pieno la nostra battaglia esercitando continue pressioni sugli organi preposti”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento