rotate-mobile
DISSESTO IDROGEOLOGICO

Un altro condominio da sgomberare a Santa Maria, Ferrara: "Un atto a tutela della popolazione" [FOTO]

L'ordinanza di interdizione firmata dal sindaco di Chieti riguarda il condominio Bella dormiente, in via don Minzoni. "I dati attestano il peggioramento della situazione" spiegano da palazzo di città

Una nuova ordinanza di interdizione è stata firmata oggi dal sindaco di Chieti e riguarda il condominio Bella Dormiente, situato in via don Giovanni Minzoni. 

Si tratta dell'ennesimo provvedimento legato al dissesto idrogeologico che da tempo colpisce la zona di Santa Maria dove altri condomini sono stati già sgomberati in precedenza. In quest'ultimo caso, come fanno sapere dal Comune di Chieti, l'ordinanza si è resa necessaria a fronte degli ultimi dati sul monitoraggio della situazione idrogeologica nella zona interessata. "La zona  è una delle più colpite dal dissesto - afferma il sindaco Diego Ferrara - per questo tenuta sotto strettissimo controllo dal Comune grazie alla sinergia voluta e attivata con la Protezione civile nazionale, regionale e comunale, nonché con l’università d’Annunzio, con cui abbiamo un continuo rapporto di collaborazione, che si è rafforzato con il riconoscimento dello stato di emergenza da noi chiesto e ottenuto con decreto del Governo in agosto. Proprio l’ultima relazione di questo composito gruppo che coinvolge attivamente il Dipartimento di Ingegneria e Geologia del nostro Ateneo, rileva la presenza di una condizione “estremamente pericolosa” per l’area di Santa Maria, perimetrata con delibera di giunta di luglio 2023 e inserita nel Piano di assetto idrogeologico, un atto che abbiamo prodotto perché da anni mancava un aggiornamento".

L’ordinanza di “interdizione all’uso” verrà notificata agli inquilini che ancora abitano gli appartamenti. "Era necessario mettere in sicurezza i condomini, circa 40 persone, con i quali si sta già interloquendo e molti dei quali hanno già individuato della sistemazioni alternative. I nuclei rimasti saranno ospitati per ora nelle strutture ricettive convenzionate - fa sapere ancora il sindaco - per l’accoglienza in emergenza, ma è nostra intenzione intercettare anche altre opzioni, non ultima quella di poter usufruire di appartamenti liberi, da affittare grazie ai contributi per autonoma sistemazione, somme di cui può disporre chi si trova in queste condizioni. Molti cittadini che hanno dovuto abbandonare le proprie case possono farvi affidamento, richiedendolo attraverso l’avviso pubblico che abbiamo predisposto non appena attivati i fondi di protezione civile dedicati".

 Le criticità che hanno portato all’ordinanza hanno visto peggiorare di mese in mese la situazione anche del condominio Bella Dormiente. Come si legge nella relazione, le lesioni sono diffuse e di diversa entità: "ci sono lesioni di tipo danno leggero (minore e uguale a 2 mm) per un'estensione minore di 1/3 della superficie del fabbricato e di tipo medio-grave (minore di 2 mm e minore-uguale a 5 mm) ed in talune situazioni anche del tipo gravissimo (minore-uguale a 5 mm) per un'estensione minore di 1/3, chiaramente visibili sulle tamponature tramezzature” e, inoltre: “il cedimento che coinvolge il lato nord est del fabbricato è particolarmente evidente, con danneggiamento di tutti i piani in elevazione e conseguente perdita di orizzontalità dei solai e malfunzionamento degli infissi".

Leggi le notizie di ChietiToday su Whatsapp

Il Comune precisa che il provvedimento ha carattere di temporaneità, in quanto è legato all'attivazione e alla durata necessaria all'esecuzione di azioni e interventi tesi a riportare le condizioni nei limiti della sicurezza a garanzia della pubblica incolumità. "È al momento l'unico strumento possibile ad assicurare i residenti da pericoli, disagi ed eventuali danni - dice ancora il sindaco - . Sapevamo da subito che questo dissesto, insieme a quello economico e finanziario, sarebbe stato uno dei problemi più grandi dell’amministrazione, per questo, pur avendo altrettanto gravi problemi economici, abbiamo attivato tutte le azioni possibili e mai esperite prima: interventi per la messa in sicurezza della zona, già presenti nel nostro primo triennale delle Opere pubbliche; ampliamento e finanziamento dei monitoraggi  che ci hanno consentito di tenere costantemente sotto controllo la situazione, intervenendo con atti di interdizione sia su condomini e sia sulle due scuole presenti in area; creazione di una unità di studio e intervento con Agenzia della Protezione civile nazionale, con quella regionale e anche con l’università d’Annunzio; abbiamo aggiornato la perimetrazione delle aree pericolose inserendo quelle non incluse nella cartografia Pai azione attesa da anni, necessaria per avere ulteriori attenzioni e fondi per agire su un fronte più esteso; lo stato di emergenza lo abbiamo chiesto noi, pressando attraverso la Regione perché anche Chieti potesse avere un fronte aperto e riconosciuto per combattere il fenomeno come altre città abruzzesi e italiane. Nel frattempo abbiamo messo in cantiere interventi che stanno per partire nella zona, insieme ad altre attività anche per cominciare a parlare del futuro degli edifici dove si trovano alloggi divenuti pericolosi, alcuni dei quali da abbattere. Il tutto condividendo sempre con i residenti, i comitati e le autorità del territorio le azioni necessarie a tutelare la vita delle persone, di cui siamo responsabili come istituzione cittadina".

Il condominio Bella Dormiente in via don Minzoni a Chieti


 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un altro condominio da sgomberare a Santa Maria, Ferrara: "Un atto a tutela della popolazione" [FOTO]

ChietiToday è in caricamento