rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca

Condannata la banda della marmotta: dalla Puglia per assaltare poste e bancomat della provincia

I colpi messi a segno nel 2021 a Miglianico, Guardiagrele, Canosa Sannita. Facevano esplodere gli Atm in orari notturni con la cosiddetta "marmotta"

Il tribunale di Chieti ha condannato cinque persone, arrestate due anni fa, per gli assalti ai bancomat della provincia di Chieti con l’esplosivo. Condanne per un totale di 35 anni nei confronti dei cinque imputati, tutti pugliesi e originari di Foggia e provincia.

I colpi risalgono al 2021 quando la filiale della banca Bper di via Roma a Miglianico venne devastata, l’ufficio postale in località Villa San Vincenzo di Guardiagrele saltò in aria con la polvere esplosiva e quando si verificò anche un tentato assalto dello sportello bancomat della Bcc di Sangro Teatina di Canosa Sannita.

Leggi le notizie di ChietiToday su Whatsapp

Gli arrestati erano accusati di associazione a delinquere finalizzata al furto di autovetture e fabbricazione di ordigni esplosivi. L’attività investigativa, iniziata nel mese di settembre 2021, aveva permesso di acclarare l’esistenza e l’operatività di un’organizzazione foggiana con sede operativa a Francavilla al Mare.

Dopo aver effettuato i sopralluoghi sugli obiettivi da colpire, la banda rubava un'auto (solitamente un'Alfa Giulietta) e faceva esplodere gli Atm in orari notturni con la cosiddetta "marmotta". L'auto veniva abbandonata e scambiata con una "pulita" per tornare nella base operativa, a Francavilla al Mare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condannata la banda della marmotta: dalla Puglia per assaltare poste e bancomat della provincia

ChietiToday è in caricamento