menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Di Primio e Marco Di Paolo

Il sindaco Di Primio e Marco Di Paolo

Parte su Facebook il concorso fotografico che dice no ai botti di Capodanno

Il vincitore, ossia l'autore della foto che otterrà il maggior numero di "mi piace" entro il prossimo 15 gennaio, sarà protagonista della campagna informativa del Comune e riceverà un buono spesa da 50 euro per acquistare prodotti per animali

Il Comune chiama a raccolta fotografi in erba e amanti degli animali per il concorso “Zero botti, più biscotti”, che sceglierà il protagonista della campagna per promuovere il regolamento comunale contro i fuochi d’artificio. 

L’iniziativa, presentata questa mattina (lunedì 19 dicembre) in una conferenza stampa in Comune, parte oggi e terminerà il 15 gennaio 2017. Chiunque abbia un account Facebook può postare sulla pagina “Zero botti, più biscotti” una fotografia del proprio animale, un selfie, una foto di gruppo o qualunque soggetto si preferisca, purché l’immagine contenga un cartello con il motto del concorso, appunto “Zero botti, più biscotti”. 

Dopodiché, saranno gli iscritti alla pagina a votare, tramite un semplice “mi piace”, la foto più bella, significativa e attinente al tema del concorso, legato a stretto filo con il regolamento comunale approvato dal dicembre 2013. 

Il vincitore, ossia l’autore della foto che otterrà il maggior numero di “mi piace” entro il prossimo 15 gennaio, sarà protagonista della campagna informativa del Comune e riceverà un buono spesa da 50 euro per acquistare prodotti per animali. 

“Per il regolamento - spiega il consigliere Marco Di Paolo (Fratelli d’Italia), promotore del concorso - abbiamo ricevuto diversi riconoscimenti nazionali, considerando che vieta anche la vendita itinerante di materiale pirotecnico. In più, da quando è in vigore, dopo ogni Capodanno riceviamo splendide notizie: da tre anni il 1° gennaio non si registrano feriti, neppure lievi, medicati al policlinico di Colle dell’Ara”. 

“Invitiamo i cittadini di Chieti a partecipare - aggiunge - a questa campagna di sensibilizzazione simpatica, che riguarda molti, considerando che dai dati in nostro possesso sappiamo che almeno il 35-40% dei teatini ha un animale in casa”. Il regolamento approvato tre anni fa fu ideato proprio in considerazione del fatto che i fuochi d’artificio possono causare diversi danni agli animali da compagnia e ai randagi, che non solo soffrono per il rumore, ma possono subire anche malori gravi. Inoltre non sono rari i casi in cui, a causa dello spavento, cani e gatti fuggono provocando incidenti stradali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento