Cronaca

"S.Giovanni Battista", problemi col presidente: la Rsu scrive a Chiodi

Le RSU degli Istituti Riuniti di Assistenza "S. Giovanni Battista" di Chieti hanno inviato una lettera alla Regione e al sindaco Di Primio contestando l'atteggiamento del presidente Gallucci

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Il personale degli Istituti Riuniti di Assistenza "S. Giovanni Battista" di Chieti è disorientato per il comportamento del Presidente, l'avvocato Federico Gallucci.

La nuova RSU, eletta lo scorso 8 marzo, contesta fortemente l'ingerenza che il Presidente dell'Organismo Straordinari ha su molteplici problematiche presenti all'interno dell'Ente e sulle quali la competenza esclusiva è della Dirigenza.

Nella lettera indirizzata ai vertici della Regione e al Comune di Chieti scrivono "Il Presidente Gallucci imperversa, dalla mattina alla sera negli Istituti Riuniti di Assistenza "S. Giovanni Battista, sostituendosi non solo al Direttore, ma anche a tutti i Responsabili dei vari settori, impartendo ordini, rimproverando dipendenti e interessandosi personalmente di problematiche spicciole, dimenticando, di fatto, il suo ruolo effettivo: quello di organo deputato, unitamente agli altri due componenti l'Organismo Straordinario, all'elaborazione degli indirizzi politico-programmatici dell'Ente ed al reperimento dei necessari fondi per attuarli".

La L.R. Abruzzo n. 17/2011 sul riordino delle IPAB,all'art. 21 delinea precisamente quali sono le direttive cui l'Organismo Straordinario deve attenersi nelle more della costituzione della ASP da parte della Regione: garantire la continuità delle attività delle IPAB soggette a riordino della Provincia di Chieti e procedere, con il supporto dei Comuni - laddove vi siano carenze di strutture burocratiche delle IPAB stesse - alla ricognizione del patrimonio e del personale ed alla verifica della possibile privatizzazione di alcune di esse.

In pratica l'Organismo Straordinario deve semplicemente sostituirsi ai CdA decaduti ed agire con gli stessi poteri e competenze che a questi ultimi venivano delegati dagli statuti.

"Il Presidente Gallucci - riprende la lettera - in maniera autonoma, ha interpretato a modo suo la Legge Regionale e ritiene - come più volte il personale degli Istituti Riuniti di Assistenza "S. Giovanni Battista" si è sentito dire - che "comanda tutto lui!", una sorta di Re Sole, sul cui regno il sole non tramonta mai!!. Inoltre l'unica IPAB che egli conosce bene è solo l'IRA "S. Giovanni Battista" di Chieti, dove passa le sue migliori giornate a fare "il comandante"!! Delle altre IPAB, al di fuori del Comune di Chieti soggette al riordino, egli non sa nè dove si trovino né che aspetto abbiano!

Il personale degli IRA di Chieti è stanco delle sortite verbali dell' avvocato Gallucci.

La Rsu chiede al Presidente della Regione, Giovanni Chiodi, all'assessore alle Politiche Sociali, Paolo Gatti e al Sindaco di Chieti Umberto di Primio, nonchè ai componenti dell'Organismo Straordinario, Giovanni Ciccone e Sandro Spella, di intervenire richiamando il Presidente Gallucci al rispetto di quanto previsto dalle norme transitorie della Legge Regionale Abruzzo n. 17/11, "affinchè venga ristabilito, in tempi brevissimi, un sereno clima lavorativo presso gli Istituti Riuniti di Assistenza "S. Giovanni Battista" e vengano meno lo stress continuo e la demotivazione che da circa 7 mesi affliggono i lavoratori che con grande spirito di abnegazione cercano di dare, con il loro lavoro e per quanto possibile, conforto a persone sole, anziane e con gravi disabilità fisiche e psichiche".

La RSU ha indetto per mercoledi 21 marzo 2012 un'assemblea aperta a tutti i lavoratori degli Istituti Riuniti di Assistenza "S. Giovanni Battista" per la discussione di varie problematiche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"S.Giovanni Battista", problemi col presidente: la Rsu scrive a Chiodi

ChietiToday è in caricamento