rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Il Comune di Chieti batte cassa per oltre 70mila euro alle società di atletica

Gli sportivi hanno sospeso gli allenamenti in segno di protesta per l'aumento dei canoni. Prossima settimana incontro in Comune

Il Comune di Chieti batte cassa e chiede a nove società di atletica di pagare i canoni arretrati degli ultimi 5 anni per gli allenamenti all’interno dello stadio Angelini. Un saldo che, in totale, supera i 70mila euro, richiesto alle società Falco Azzurro, Atletica Chieti, Runners Chieti, Polisportiva Tethys, Pietro Mennea, Teate Walk, Atletica Vomano, Gran Sasso Teramo e Aterno Pescara. 

Una richiesta che ha gettato nello sconforto le società sportiva, soprattutto considerando che da qualche mese le tariffe sono aumentate rispetto al passato. Un’ora sulla pista di atletica, oggi, costa 73 euro a ora. 

Al momento, per protesta, sono stati sospesi gli allenamenti, ma la prossima settimana ci sarà un incontro con il sindaco Di Primio e con l’assessore allo Sport Viola.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune di Chieti batte cassa per oltre 70mila euro alle società di atletica

ChietiToday è in caricamento