Cronaca

Il Comprensivo 3 presenta "Samsung Smart Future"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Il giorno venerdì 23 gennaio alle ore 9.00 presso la scuola Sec. di 1° grado “V. Antonelli” in Via Amiterno, 150, sede dell’Istituto Comprensivo n. 3 di Chieti diretto dal Dirigente Scolastico Paola Di Renzo, è indetta una conferenza stampa per la presentazione del Progetto di Sperimentazione Nazionale “ Samsung Smart Future”.

Il progetto, nato dal partenariato tra la multinazionale Samsung e il CREMIT (Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media, all’informazione e alla Tecnologia) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha debuttato in Italia nell’a.s. 2013/14 nell’ambito delle azioni di Corporate Social Responsability di Samsung  e vede coinvolte una trentina di scuole del primo ciclo d’istruzione e 5 scuole in ospedale in tutta Italia. In Abruzzo sono 4 gli Istituti attualmente interessati dalla sperimentazione: 2 nella provincia de L’Aquila, 1nella provincia di Pescara e 1 a Chieti, il Comprensivo n°3, appunto.

L’iniziativa consiste nel dotare le scuole coinvolte nella sperimentazione di una “Smart Classroom”, cioè  di una E- Board, server e stampante, un tablet master per l’insegnante , un tablet per ciascun alunno e applicazioni dedicate, senza costi da parte della scuola.

Il CREMIT, coordinato e diretto a livello nazionale dal prof. Pier Cesare Rivoltella, professore ordinario di Didattica e Tecnologia dell’Istruzione presso l’Università Cattolica di Milano, garantisce l’efficacia del progetto sul piano scientifico sia per la valutazione delle azioni, sia per il coordinamento del lavoro degli insegnanti coinvolti.

L’Università svolge il ruolo di ponte e di interlocutore tra Samsung e le scuole anche attraverso una piattaforma digitale predisposta dall’Università di Foggia,  spazio virtuale, di condivisione e di scambio tra i docenti per l’attuazione di una vera e propria comunità di apprendimento.

Scopo del progetto è quello di promuovere le competenze digitali e di studio da parte degli alunni, di migliorare la motivazione ad apprendere, di appassionarsi al sapere grazie all’utilizzo di metodologie didattiche quali  la classe rovesciata (flipped classroom) e la strutturazione di interventi didattici per EAS (episodi di apprendimento situato).

Il progetto nell’Istituto Comprensivo n. 3 è coordinato dal prof. Gianfranco Puddu e coinvolge un intero consiglio di classe, circa 12 docenti,  27 alunni della Scuola Secondaria di 1° grado “V. Antonelli”, 2 docenti della scuola in ospedale presso la Clinica Pediatrica universitaria diretta dal prof. Francesco Chiarelli, che è l’unica scuola in ospedale  in Abruzzo inclusa nella sperimentazione.

Il Moige, movimento dei genitori, sosterrà le azioni di informazione rivolte ai genitori degli alunni.

Dopo la conferenza stampa di presentazione del progetto sarà inaugurata la “Smart classroom” della Scuola Secondaria  di 1° grado “V. Antonelli” alla presenza del Sindaco di Chieti Umberto Di Primio e dei rappresentanti incaricati dalla Samsung.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comprensivo 3 presenta "Samsung Smart Future"

ChietiToday è in caricamento