rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca Villa Santa Maria

Commercio tartufi: sanzioni per oltre 48 mila euro a 25 persone

Controlli a tappeto dei carabinieri forestali di Villa Santa Maria: multati cavatori e rivenditori per irregolarità nella raccolta e commercio del prezioso fungo

I carabinieri forestali di Villa Santa Maria, nell’ambito di una sistematica campagna di controllo, hanno verificato le modalità di raccolta e di commercio del tartufo scorzone fresco (tuber aestivum), sanzionando cavatori e rivenditori per numerose irregolarità di natura amministrativa.

I militari hanno accertato il commercio del prezioso fungo ipogeo al di fuori del periodo di raccolta o in violazione di limiti quantitativi imposti dalle leggi regionali di Abruzzo e Molise e, tramite appostamenti e sistemi di fototrappolamento, hanno individuato il responsabile della cerca con lavorazione andante del terreno.

Ogni specie di tartufo presenta un proprio periodo di raccolta che, date le condizioni pedogenetiche e microclimatiche diverse, può comunque diversificarsi a livello di territorio. Rispettare il calendario consente di raccogliere il tartufo nel periodo di piena maturazione, evitando di asportare i cosiddetti 'fioroni' esemplari ricchi di spore che servono per la riproduzione e la formazione di nuove tartufaie.

La ricerca e la raccolta dei tartufi devono essere effettuate in modo da non arrecare danno alle tartufaie, avvalendosi di un cane appositamente addestrato e, per l’estrazione dal terreno, solo di attrezzi idonei. L’utilizzo del cane addestrato permette di localizzare il punto preciso dove è localizzato il tartufo, consentendo inoltre l’individuazione dei soli esemplari maturi. L’impiego del vanghetto o della zappetta (per la sola provincia dell’Aquila), quando non sia possibile estrarre il tubero direttamente con le mani, consente inoltre di limitare al minimo i danni alle radici delle tartufaie; si ricorda, inoltre, come le buche scavate per l’estrazione dei tartufi, debbano essere obbligatoriamente riempite con il terriccio precedentemente asportato.

“Grazie ad un’attività di controllo intensa e metodica da parte dei carabinieri forestali”, sottolinea il comandante, tenente colonnello Tiziana Altea, “sono stati sanzionati 25 soggetti tra cavatori e rivenditori, per un importo complessivo di oltre 48mila euro. È decisamente un segnale forte ed inequivocabile per dimostrare come l’intero settore sia attenzionato e per ribadire come il rispetto delle regole sia fondamentale per garantire la tutela e la rinnovazione del patrimonio tartufigeno regionale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commercio tartufi: sanzioni per oltre 48 mila euro a 25 persone

ChietiToday è in caricamento