menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Coltivava cannabis in giardino mentre era rinchiuso ai domiciliari

L'uomo, un 43enne di Perano, aveva iniziato una proficua coltivazione con 22 piante. Ma i carabinieri lo hanno scoperto e per lui si sono aperte le porte del carcere

Stava scontando gli arresti domiciliari per un cumulo di pene avute per vari reati e ha pensato bene di trascorrere il tempo dedicandosi al giardinaggio. Peccato, però, che nell'orto di un uomo di 43 anni di Paglieta, non ci fossero innocui ortaggi, ma piante di cannabis indica. Un raccolto rilevante, considerato che le piante erano 22.

Stamani, l'insolita coltivazione è stata scoperta dai carabineri della compagnia di Atessa, coordinati dal luogotenente Federico Ciancio. Così il "coltivatore" è finito nel carcere di Villa Stanazzo, su disposizione del pm Serena Rossi.

Era agli arresti domiciliari per un cumulo pena per reati vari e nel giardino di casa coltivava cannabis. I carabinieri della compagnia di Atessa (Chieti), coordinati dal luogotenente Federico Ciancio, lo hanno scoperto questa mattina. Così un 43enne di Paglieta (Chieti) è finito nel carcere di Lanciano, su disposizione del pm Serena Rossi.

Nei prossimi giorni, l'uomo sarà sentito dal gip Massimo Canosa per l'interrogatorio di garanzia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento