menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
l'area incendiata

l'area incendiata

Colle S. Antonio, Di Primio scrive a Mazzocca: "Finanziamenti e tempi certi"

Il sindaco nega gli errori di comunicazione. A giorni un'ordinanza per revocare il divieto di utilizzo dei prodotti di origine animale

Chiede tempi e finanziamenti certi per la sistemazione dell'area di stoccaggio  in località Colle S. Antonio e nega qualsiasi errore di comunicazione tra il Comune di Chieti e la Regione il sindaco Umberto Di Primio che oggi ha inviato una lettera al sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale, Mario Mazzocca e al presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso.

Il sindaco, smentendo il Movimento 5 Stelle, evidenzia “che nessun errore di comunicazione vi è stato tra Comune e Regione. Né in termini di destinatario della corrispondenza, né di indirizzo” e annuncia che nei prossimi giorni, seguendo le indicazioni ricevute dalla Asl, adotterà un’ordinanza per revocare il divieto di utilizzo dei prodotti di origine animale provenienti dalla località Colle S. Antonio, avendo riscontrato i laboratori non esservi alcun pericolo per la popolazione.

“Definiti i passaggi rimessi agli organismi sanitari – aggiunge Di Primio -  ora è necessario avviare a soluzione la sistemazione dell'area, come previsto nel progetto inviato a dicembre 2015 dal Comune, nel modo che sarà ritenuto più idoneo a garantire i miei cittadini e quelli dei Comuni di Bucchianico e Casalincontrada. Sin d'ora insisto, però, perché sia fatto corrispondere ad ogni futuro progetto, il finanziamento che lo renderà realizzabile, il tempo necessario e le modalità di gestione dello stesso”.

Comprenderete questa mia premura visto quello che sta succedendo sul fronte frane e dissesto geologico dove, quotidianamente, sono costretto a far fronte alle sacrosante richieste dei cittadini che, prima hanno sperato in una rapida soluzione vedendo arrivare Governatore, Prefetto Gabrielli ed altri ed ora, a due anni di distanza, disperati, aspettano ancora sia finanziato l'intervento risolutore.

La faccia noi amministratori continuiamo e continueremo a mettercela, come abbiamo fatto il 27 giugno 2015 e nei giorni successivi nei confronti con i cittadini – conclude il sindaco -   pretendiamo però che la Regione ci dia reale sostegno per non far sfigurare non noi, ma le istituzioni che rappresentiamo”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento