menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cocaina in città prima delle notti in discoteca: 11 condanne e 9 rinvii a giudizio

L'operazione Tallone d'Achille esattamente un anno fa portò all'arresto di 25 persone con le accuse di detenzione e spaccio di stupefacenti

Si è conclusa con undici condanne, due assoluzioni e nove rinvii a giudizio l’udienza nell’ambito dell’inchiesta denominata 'Tallone d’Achille' che il 3 settembre del 2019 portò all’emissione di 25 misure cautelari per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. 

Ieri il gup del tribunale di Chieti ha condannato con rito abbreviato cinque tra giovani teatini e albanesi con pene che vanno dai 2 ai 4 anni e 8 mesi; pena patteggiata per altri sei giovani, fino a 5 anni e 8 mesi. Due gli assolti: G.D.E. di Miglianico e A.M. albanese residente a Rosciano, mentre altri 9 sono rinviati a giudizio. Il processo è fissato a febbraio 2021. 

L’operazione “Tallone d’Achille”

Era l’anno scorso quando la Squadra Mobile di Chieti con la Guardia di Finanza smembrò una fitta rete di spaccio attiva a Chieti e dintorni e sequestrò oltre 32 chili tra marijuana, cocaina e hashish assieme a una serra da interno per la coltivazione di marijuana e a 73 mila euro in contanti.

Per sgominare il fitto sodalizio gli agenti si finsero “acquirenti” di droga.

Una delle basi operative degli arrestati era a Bucchianico, in una tenuta agricola, ma gran parte delle cessioni avvenivano perlopiù nella zona di Chieti scalo, dove ci muoveva agilmente a piedi. Fra i coinvolti, alcuni membri della tifoseria organizzata della Chieti Calcio e titolari di attività commerciali allo scalo.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento