rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

Minacciò con un coltello Ciro Immobile a Francavilla: ultrà assolto

Il giudice del tribunale di Chieti lo ha assolto perchè il fatto non sussiste. I fatti risalgono all'estate del 2018, quando il bomber era al mare con la famiglia

Il tribunale di Chieti ha assolto perché “il fatto non sussiste” l’ultrà che nel 2018 minacciò con un coltello il calciatore Ciro Immobile.

I fatti si verificarono in un lido di Francavilla al Mare dove il calciatore, in vacanza con la famiglia, venne avvicinato da un ultrà pescarese il quale, con la scusa di scattare una foto, iniziò a inveire contro il bomber accusandolo di aver 'tradito' i colori del Pescara calcio per passare alla Lazio. L’ultrà provò ad aggredirlo tirando fuori anche un coltello da cucina, prima di sparire.

Si beccò una denuncia per minaccia aggravata e porto abusivo di arma bianca e si procedette d’ufficio. 

Lo scorso dicembre Ciro Immobile a Chieti aveva rimesso la querela nel processo che lo vedeva come persona offesa.

Il giudice del tribunale di Chieti ha accolto la richiesta del pm e della difesa, stabilendo di non dover procedere per l’accusa di minaccia aggravata. L'uomo è stato anche assolto dal porto di arma bianca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacciò con un coltello Ciro Immobile a Francavilla: ultrà assolto

ChietiToday è in caricamento