Chiusure uffici postali, l'onorevole Amato presenta un'interrogazione

La parlamentare Pd è cofirmataria di un'interrogazione al ministro dello Sviluppo Economico, in cui ricorda le disposizioni dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni a tutela degli uffici postali in zone remote e chiede di non creare disagi agli utenti

Il piano di razionalizzazione di Poste Italiane, che prevede la chiusura di 4 uffici postali in provincia di Chieti, 19 in tutto l’Abruzzo, 455 in Italia, arriva in Parlamento. L’onorevole Pd Maria Amato, infatti, ha presentato un’interrogazione, di cui è cofirmataria, al ministero per lo Sviluppo economico, per conoscere le ragioni di quello che si prospetta come un grave disservizio per l’intera regione.

L’annuncio delle chiusure, ricorda l’interrogazione parlamentare, è stato diffuso nonostante il 22 gennaio scorso il presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, rispondendo al presidente dell’intergruppo parlamentare, abbia ricordato i divieti di chiusura “di quegli uffici che servono gli utenti che abitano nelle zone remote del Paese, ritenendo prevalente l’esigenza di garantire la fruizione del servizio nelle zone disagiate anche a fronte di volumi di traffico molto bassi e di alti costi di esercizio”.

Ma le chiusure degli uffici porterebbero “notevoli difficoltà” e “una diminuzione della qualità e della fruibilità del servizio fornito alla clientela; questa decisione unilaterale di Poste Italiane conferma l’orientamento portato avanti dalla società negli ultimi anni, che insegue una logica del guadagno puntando su assicurazioni, carte di credito, telefonia mobile e servizi finanziari in genere, a scapito delle esigenze della collettività, sacrificando uffici che ritiene ‘improduttivi’ o ‘diseconomici’, senza considerare che rappresentano un punto di riferimento per i cittadini dei piccoli comuni”.

“Questa razionalizzazione – continua l’interrogazione - rischia di tradursi in gravi disservizi soprattutto per i residenti anziani, che si troveranno a non poter usufruire di servizi essenziali quali il pagamento delle bollette o la riscossione della pensione, con la conseguenza di essere costretti a fare lunghe file nei giorni di apertura, ritardare le operazioni o affrontare frequenti e difficili spostamenti, su territori particolarmente disagiati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio per questo l’onorevole Amato e gli altri firmatari chiedono al ministro di mettere in atto azioni per garantire il rispetto di quanto stabilito dall’Autorità per il garante degli uffici postali nelle aree svantaggiate, e di scongiurare la possibile chiusura delle filiali nei comuni più piccoli per evitare di creare disagi agli utenti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo caso positivo al Covid 19: è un paziente in ospedale a Chieti, domiciliato a San Salvo

  • Bimbo di 3 anni investito mentre attraversa la strada con la mamma: panico a Chieti Scalo

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • È morto l'assessore Antonio Viola

  • Lite tra condomini a Chieti finisce a colpi di forbici: denunciati in due

Torna su
ChietiToday è in caricamento