Cronaca Chieti Scalo

Chiuso un altro autolavaggio a Chieti Scalo: stavolta le sanzioni ammontano a più di 30mila euro

Nel giro di una decina di giorni, un’altra attività è stata chiusa: il gestore ha avuto una maxi muta di oltre 30mila euro ed è stato anche denunciato alla procura di Chieti

Continuano le verifiche dei carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Chieti negli autolavaggi dello Scalo. Nel giro di una decina di giorni, un’altra attività è stata chiusa: il gestore ha avuto una maxi muta di oltre 30mila euro ed è stato anche denunciato alla procura di Chieti.

Nell’autolavaggio in questione, i carabinieri del Nil, assieme ai colleghi del Nucleo operativo e radiomobile e della stazione di Chieti Scalo “hanno trovato i lavoratori con le mascherine abbassate, nessun distanziamento sociale, ma soprattutto condizioni igieniche assolutamente inaccettabili. Durante il controllo – si legge ancora nella nota del comando provinciale - i carabinieri hanno accertato e contestato numerose violazioni sia amministrative che penali, oltre a quelle della normativa anti-covid-19. Sono stati scoperti due  lavoratori in nero, senza la prevista formazione e senza la certificazione medico – sanitaria, e uno di loro era addirittura clandestino e senza documenti”.

Il giovane gestore dovrà restare chiuso per cinque giorni per le violazioni Covid-19, ma l’attività è stata sospesa fino a quando non provvederà a regolarizzare la posizione del lavoratore e a pagare le sanzioni che ammontano a ben 31.900 euro.

Lo stesso è stato denunciato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiuso un altro autolavaggio a Chieti Scalo: stavolta le sanzioni ammontano a più di 30mila euro

ChietiToday è in caricamento