Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Lanciano

Chiusa l'indagine sulla rapina ai coniugi Martelli, subito il processo ai sei della banda

Oltre alle confessioni di quattro degli imputati, li inchioderebbero i riscontri della polizia scientifica di Ancona. Sono accusati di rapina pluriaggravata, lesioni gravissime, sequestro di persona e porto abusivo di arma

È stata chiusa l'indagine per la rapina nell'abitazione dei coniugi Carlo Martelli e Niva Bazzan che sei mesi fa, per la sua crudeltà, sconvolse l'Italia intera e non solo Lanciano, dove i due sono molto conosciuti. Il procuratore Mirvana Di Serio ha chiesto il rinvio a giudizio, disposto dal gip Massimo Canosa e l'inizio del processo con rito immediato è stato fissato al prossimo 8 maggio. 

Per rapina pluriaggravata, lesioni gravissime, sequestro di persona e porto abusivo di arma saranno processati Adrian Martin, additato dagli altri come il capobanda ed estradato dalla Romania due mesi dopo la rapinaAlexandru Colteanu, fermato a Casal di Principe, l'unico che non ha reso alcuna confessionei fratelli Ion e Costantin Turlica e il cugino Aurel Ruset, i primi a essere arrestati pochi giorni dopo i fatti, e George Ghiviziu, ritenuto l'autista, bloccato una settimana dopo l'assalto alla villa dei Martelli dopo un lungo inseguimento nelle campagne di Lanciano. Infine, per favoreggiamento è indagato Gheorghe Traian Jacota, compagno della madre di Ghiviziu, che secondo gli investigatori lo aiutò a fuggire il giorno dell'arresto. Tutti gli uomini sono di nazionalità romena. 

Oltre alle confessioni dei Turlica, di Ruset e di Ghiviziu, ad inchiodare la banda ci sarebbero i riscontri della polizia scientifica di Ancona, fra tracce biologiche ed ematiche trovate in casa Martelli, sugli indumenti indossati dai giovani, nelle due auto coinvolte, ossia la Golf su cui stavano fuggendo i Turlica e Ruset e la Bmw di Ghiviziu, con cui accompagnò i complici la notte della rapina

Quella drammatica notte, i coniugi Martelli vennero imbavagliati e legati. Lui fu picchiato selvaggiamente, alla moglie fu tagliato il lobo di un orecchio. Durante il sequestro, due rapinatori andarono a prelevare circa 2 mila euro con il bancomat della famiglia e portarono via alcuni orologi e preziosi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusa l'indagine sulla rapina ai coniugi Martelli, subito il processo ai sei della banda

ChietiToday è in caricamento