menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
una ludoteca gestita da Chieti Solidale

una ludoteca gestita da Chieti Solidale

Tagli Chieti Solidale: l'azienda si impegna a ridurre i disagi

I sindacati chiedono di evitare la riduzione del personale e di utilizzare tutte le misure possibili al fine di ridurre al minimo l’impatto sulla riduzione degli orari. Ieri la riunione

Chieti Solidale apre uno spiraglio dopo l'incontro sindacale, impegnandosi a ridurre al minimo i disagi sia del personale dell'Azienda che sia della cittadinanza che fruisce dei servizi. E' quanto emerso ieri nel corso della riunione con la Direzione dell'Azienda dove erano presenti l'Usb Pubblico Impiego Chieti, la Cgil Fp e la Confsal Fp che hanno ribadito la netta contrarietà ai tagli dei servizi sociali stabiliti dall'amministrazione comunale. Le stesse hanno chiesto alla Direzione di mettere in atto tutte le misure e le risorse disponibili al fine di attenuare al massimo le riduzioni di orario lavorativo stabilite dal Comune, assicurando il rispetto del Contratto collettivo nazionale riguardo al limite minimo delle 12 ore per tutti i servizi ed in particolare per lavoratori maggiormente colpiti.

"L'Azienda - riferisce Silvio Di Primio (Usb) - si è dichiarata disponibile a mettere a disposizione le risorse derivanti dal PON e dal Home Care Premium (che non fanno parte del Piano di Zona) che, di fatto, riducono l'impatto dei tagli deliberati dal Comune dal 27% medio a circa il 12% medio. Inoltre abbiamo chiesto e ottenuto che il personale destinatario dei tagli più netti venga utilizzato in tutte le sostituzioni che verranno a determinarsi compatibilmente con le qualifiche e le professionalità occorrenti. La Direzione ha messo a disposizione tutte le determinazioni dirigenziali che stabiliscono le riduzioni di orario e dei relativi trasferimenti economici alla ASM Chieti Solidale e  si è impegnata a osservare le norme contrattuali in materia di orario lavorativo minimo".

Come si legge nel verbale post riunione, Chieti Solidale si impegna ad utilizzare in eventuali “sostituzioni del personale assente” i lavoratori che risultino maggiormente colpiti dalle riduzioni d’orario, il tutto compatibilmente con le mansioni svolte e con le qualifiche professionali possedute. Il direttore precisa come da richiesta delle organizzazioni sindacali in merito alla legittimità della proceduraadottata e alla necessaria ratifica da parte del Consiglio di Amministrazione della Azienda: trattandosi di variazione di contratti di servizio già siglati con l’Ente Comunale e non potendosi determinare diversamente l’attuazione delle misure non necessitano di deliberazione da parte del CDA a cui, in ogni caso, alla prima seduta utile, saranno comunicate affinché ne prenda atto.

Una assemblea di tutto il personale è stata convocata per lunedì 26 novembre alle 18 presso i locali di Piazza San Pio X n. 59. 

"Il risultato raggiunto dopo gli incontri con l'Azienda e considerando la situazione venutasi a creare dopo l'approvazione del bilancio di previsione  nella seduta consiliare dello scorso 23 maggio che ha stabilito i pesanti tagli ai servizi e con la Chieti Solidale che continua a vantare un credito di oltre 4,3 milioni di euro nei confronti di una amministrazione comunale inadempiente, permette di ridurre i disagi sia del personale dell'Azienda e sia della cittadinanza" concldue Di Primio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento