menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inizia Chieti Lab, il laboratorio di idee per il futuro della città

L'obiettivo finale è quello di redigere il nuovo piano regolatore. Per 4 giorni, da lunedì 15 a giovedì 18 settembre, Chieti diventa un grande laboratorio, al progetto partecipano varie università, anche straniere

Quattro giorni per studiare e ripensare la parte bassa della città con architetti, professionisti e la collaborazione di numerose università italiane. È “Chieti Lab”, progetto urbano sostenibile, al via lunedì (15 settembre) alle 11 nella sede scalina della Camera di commercio. Il workshop internazionale è organizzato dal Comune di Chieti e dal dipartimento di Architettura dell’università D’Annunzio.

L’obiettivo finale è quello di redigere il nuovo piano regolatore, che sarà affrontato dopo gli incontri sulla città alta previsti per dicembre. Per 4 giorni, da lunedì 15 a giovedì 18, Chieti diventa un grande laboratorio in cui uffici comunali, ricercatori, docenti universitari e liberi professionisti si confronteranno sul futuro della città.

Ciascuno darà il suo contributo con idee, progetti e proposto che valorizzino ciò che esiste per pianificare la nuova Chieti. Dopo il workshop di dicembre, le idee saranno discusse in consiglio comunale per lavorare concretamente al piano regolatore generale.

Al progetto partecipano anche l’università di Roma Tre, l’università di Palermo, l’università Federico II di Napoli, l’università di Camerino, il Politecnico di Bari, la Summer school Siena, la Universitat autonoma di Barcelona Uab, l’università di Ljubljana.

In primo piano ci sono due grosse tematiche: città della piana, come fabbrica verde, e agrocittà. Il primo spunto di riflessione valuterà gli obiettivi da porsi per la rigenerazione dell’area industriale, per la nuova centralità urbana tenendo conto della stazione, del quadrilatero pedonale Colonnetta, e della direttrice via dei Vestini-fiume. In più, si lavorerà per far diventare Chieti una “città dell’agroalimentare e dei sapori”, tramite un mercato ecologico e strada mercato, l’officina del gusto “Madonna del Freddo”.

Giovedì, alle 14, alla Camera di Commercio, saranno presentati i risultati dei lavori. I responsabili scientifici sono gli architetti Alberto Clementi e Carlo Pozzi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento