Cronaca Centro Storico / Via Silvio e Bertrando Spaventa

Chieti Film Festival: i teatini hanno voglia di cinema

Cala il sipario sulla fortunata edizione "Scrittura e Immagine". L'apertura del Supercinema nelle 'grandi occasioni' lascia l'amaro in bocca a chi, come il lettore che ci ha scritto, non vuole sentirsi obbligato a raggiungere il centro commerciale per vedere un film

Il 21° Chieti Film Festival programmato dal 7 al 11 novembre si è concluso. Ottima la partecipazione del pubblico, circa 500 persone a sera.
Il costo del biglietto certamente stimolante. Con 4 Euro puoi trascorrere una serata e gustarti la proiezione di 3 film. Il Supercinema è un locale piacevole e gradevole per questo tipo di spettacolo. Le poltroncine sono comode, l'arredo ben curato, il riscaldamento forse troppo alto considerate le giornate calde.
 
La scelta delle pellicole selezionate dalla Fondazione Edoardo Tiboni per la Cultura in Abruzzo e l'Istituto Multimediale Scrittura e Immagine di Pescara, viene progettata per far emergere registi, paesi stranieri, attori, generi cinematografici.

Come proposta d'autore (sono film di prima visione della ultima stagione cinematografica) è stato proiettato in anteprima gratuita il film di Ficarra e Picone: "Anche se è amore non si vede". Subito dopo la proiezione del film, venerdì 4 Novembre alle ore 20,00, i due comici siciliani sono stati i premiati per questa edizione , dalla giornalista Rai Maria Rosaria La Morgia. Alla fine della premiazione altra anteprima nazionale è stato proiettato il film di Woody Allen "Midnight in Paris".
 
La presenza numerosa del pubblico ha posto nuovamente in evidenza la richiesta di una sala cinematografica in città.
L'amministrazione comunale ha risposto ultimamente a un cittadino che purtroppo il costo per mantenere funzionante la struttura, è notevole.
"Meglio usarla quando ce n'è bisogno!" Risposta giusta che però lascia insoddisfatti i cittadini.
Posso informare sul mio comportamento di cittadino utente che non avendo voglia di spostarsi in vettura, non raggiunge i centri commerciali per vedere i film e che preferisce arrivare a piedi al Supercinema.
 
Purtroppo il grido di dolore dell'associazione Scrittura e Immagine è che da tre anni non viene finanziata dalla Regione Abruzzo.
La Regione dovrebbe stanziare i fondi annuali che la Legge '98 stabilisce, ma che da tre anni non sono assegnati, con una effetto negativo per le iniziative e la stessa sopravvivenza del settore nel quale si impegna in modo molto incisivo con la Lanterna Magica dell'Aquila e il Flaiano Cinema di Pescara.
 
Meno male che alcuni privati offrono la possibilità economica di seguitare a fare cultura e spettacolo. Vedi la fondazione Carichieti.
Il comune di Chieti comunque ha concesso gratuitamente la sala e il personale. L' Istituto Scrittura e Immagine, nella persona della vicepresidente Lucilla Sergiacomo, ha evidenziato che l'associazione rispetta questa iniziativa di Chieti perché ha avuto sempre un ottimo coinvolgimento del pubblico e, pur nella ristrettezza economica, quest'anno ha anche coinvolto gli istituti superiori della città nella mattinata. Inoltre hanno ospitato due stagisti laureandi in lettere e filosofia.
 
Incoraggiante la proposta offerta dei film e sperando in tempi migliori, per il momento non  resta che accontentarci.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chieti Film Festival: i teatini hanno voglia di cinema

ChietiToday è in caricamento