Cronaca

Coniugi di Scerni morti nel fiume Orta, per la procura è omicidio colposo

Accolta la tesi delle parti civili, secondo cui i due giovani, genitori di due bambini piccoli, si avventurarono fuori dal sentiero principale perché non era segnalato il potenziale pericolo

I coniugi morti il 1° maggio 2017

Silvia D'Ercole e Giuseppe Pirocchi, di Scerni, non morirono per una loro imprudenza, ma perché non erano ben segnalati i pericoli a ridosso del fiume Orta, in località Valle dei Luchi, a Caramanico (Pescara). O, almeno, questa è l'ipotesi della procura di Pescara, che ha accolto la tesi dei legali di parte civile, chiedendo il rinvio a giudizio per il primo cittadino della cittadina pescarese, Simone Angelucci, e per il direttore del Parco nazionale della Majella, Oremo Di Nino. 

Per il procuratore Massimiliano Serpi e il sostituto Valentina D'Agostino, bisogna procedere per omicidio colposo, così come sostenuto dagli avvocati Giuliano Milia, Arnaldo Tascione e Francesco Tascione, che rappresentano i familiari dei due coniugi. I due, genitori di due bimbi, avevano 32 e 34 quando, il 1° maggio 2017, andarono a Caramanico per una gita fra amici. Si allontanarono dal sentiero principale per scattare una fotografia e accadde la tragedia: Silvia perse l'equilibrio, finendo nel fiume Orta, ma quando il marito cercò di aiutarla, precipitò anche lui nell'acqua. La corrente li trascinò a circa 500 metri dal punto della caduta. 

Ora, per quell'assurda morte ci sono due indagati, che compariranno davanti al gup il 24 gennaio prossimo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coniugi di Scerni morti nel fiume Orta, per la procura è omicidio colposo

ChietiToday è in caricamento