rotate-mobile
Cronaca

Certificato antincendio stadio Angelini: Di Primio condannato a pagare

Pagherà un'ammenda di 1000 euro per violazione del dl 139/2006. I fatti risalgono al 2012, quando il sindaco di Chieti, in qualità di proprietario dello stadio, avrebbe omesso di richiedere la certificazione di prevenzione incendi

Il giudice monocratico del Tribunale di Chieti, Andrea Di Berardino, ha condannato il sindaco Umberto Di Primio a pagare un'ammenda di 1.000 euro per violazione dell'articolo 20 del Decreto legislativo 139 del 2006

I fatti risalgono all'ottobre del 2012, quando il sindaco di Chieti, in qualità di proprietario dello stadio 'Angelini', avrebbe omesso di richiedere il certificazione di prevenzione incendi.

Di Primio oggi (2 febbraio) in aula ha reso dichiarazioni spontanee sostenendo che in seguito alla declassificazione dell'impianto sarebbe stata sufficiente una Scia (segnalazione certificata di inizio attività) prodotta nel settembre del 2012 e non la certificazione antincendio.

 Il primo cittadino beneficerà della non menzione. Il procedimento era stato aperto dopo una relazione dei vigili del fuoco. Il pm in aula aveva chiesto per Di Primio l'assoluzione perchè "il fatto non sussiste".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Certificato antincendio stadio Angelini: Di Primio condannato a pagare

ChietiToday è in caricamento